Home » Smartphone » Da settembre un terzo degli smartphone Android sarà a rischio sicurezza
attivare torcia smartphone android

Da settembre un terzo degli smartphone Android sarà a rischio sicurezza

di Roberto Naccarella

Alla fine dell’estate Android 13 sarà realtà in versione stabile, per la gioia di tutti i fan del robottino verde. L’arrivo della tredicesima versione del sistema operativo metterà anche un punto agli aggiornamenti di sicurezza per Android 10: ciò significa che moltissimi dispositivi che continuano a funzionare con questa versione non potranno più essere protetti. Per essere più chiari, da settembre un terzo degli smartphone presenti nel mondo avrà una versione dell’OS non più supportata.

Come sanno praticamente tutti, la mancanza di aggiornamenti va a braccetto con più alti rischi di sicurezza: quando mancano le patch contro le vulnerabilità infatti i dispositivi si ritrovano esposti ad esse. Ma quanti sono i device che funzionano ancora con versioni datate? Contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, in giro per il mondo ci sono ancora tantissimi dispositivi con versioni Android lanciate anni fa (comprese quelle vecchie di un decennio). Dando uno sguardo ai dati di Bitdefender Mobile Security, infatti, emerge che il 15% degli smartphone con l’OS di Google funziona con Android 10, mentre uno smartphone su 10 ha ancora la versione 9 Pie come sistema operativo.

android distribuzione

Facendo un rapido calcolo, da settembre il 35% dei dispositivi con il robottino verde come OS non potrà più contare sugli aggiornamenti di sicurezza da parte di Google. Pertanto, questi device non riceveranno più le patch di sicurezza dal produttore. Una buona mossa per cercare di proteggere il proprio prodotto consiste nel download dell’app Bitdefender Mobile Security sui dispositivi più datati: tuttavia, la mossa più azzeccata è senz’altro quella di dotarsi di un dispositivo che ottiene le patch di sicurezza.

Via

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti