MacBook Air 2018 è più facile da riparare grazie alla modularità: il teardown di iFixit

I PC portatili di Apple non sono mai stati i più facili da riparare. Ma con il nuovo MacBook Air (2018) da 13 pollici la casa di Cupertino ha migliorato leggermente la situazione, almeno rispetto al precedente modello. Ce lo svela il primo teardown di iFixit, che lo ha smontato per capire a fondo cosa c’è al suo interno e come è disposto.

Dal disassemblaggio è emerso che il nuovo ultrabook è molto più modulare del suo predecessore, e quindi è più semplice da riparare. Sono modulari le porte Thunderbolt, gli altoparlanti e la ventola di dissipazione. Da un altro lato però si riscontrano difficoltà nel rimuovere il trackpad del MacBook Air dato che è collegato alla tastiera con un cavo, e anche nel sostituire la batteria perchè c’è bisogno prima di togliere la scheda logica e gli speaker.

Cosa ancora più grave, non è possibile sostituire manualmente il disco e la memoria RAM, una mossa che costerà ad Apple tanti potenziali clienti come è sicuramente accaduto con le varianti Pro. iFixit ha assegnato al nuovo MacBook Air da 13 pollici un punteggio di riparabilità di 3 su 10. Ancora molto deludente, ma comunque migliore rispetto a quello del precedente modello a cui era stato assegnato il punteggio più basso: 1 su 10.

 

Michele Ingelido

Sono Michele Ingelido, un blogger che lavora nel settore tecnologico da anni. Da perito tecnico mi definisco non solo un incurabile fanatico della tecnologia, ma anche un profondo estimatore di tutto ciò che intelligentemente crea innovazione, specie se in modo anticonformista e controcorrente… Un po’ come il Rock ‘n Roll! E-mail for any request: info@tech4d.it