Home » Smartphone » Qualcomm sta creando il suo primo smartphone: ha lo Snapdragon 875
qualcomm snapdragon 875

Qualcomm sta creando il suo primo smartphone: ha lo Snapdragon 875

di Roberto Naccarella

Il produttore di processori per dispositivi mobili più apprezzato sul mercato è Qualcomm, e i gaming phone sono sempre più richiesti sul mercato, anche perchè le aziende produttrici stanno rilasciando dei modelli davvero eccezionali, capaci di fornire prestazioni di altissimo livello per garantire la migliore esperienza di gioco possibile. Nella maggior parte dei casi, questi telefoni da gioco sono alimentati con i processori Qualcomm, specialmente con quelli delle serie Snapdragon 8xx che assicurano performance da “urlo”.

Ora, stando alle indiscrezioni comparse online, sembra che il chipmaker statunitense sia intenzionata a lanciare un proprio smartphone, anche se si avvarrebbe dell’aiuto di un’azienda esterna per l’assemblaggio completo del device, non avendo le risorse per poterlo fare. Quale sarà quest’azienda? I “rumors” suggeriscono un supporto da parte di Asus, o meglio della sua divisione ROG (che realizza gli apprezzatissimi gaming phone dell’azienda taiwanese, ndr), la quale si occuperebbe del design e di buona parte dell’hardware.

Il processore, ovviamente, sarebbe compito di Qualcomm, che dovrebbe alimentare questo suo prodotto con Snapdragon 875, il prossimo chip top di gamma che dovrebbe debuttare ufficialmente nel mese di dicembre (e che vedremo su molti telefoni nel 2021). Il chipmaker ha infatti fissato un evento proprio per il 1° Dicembre alle Hawaii dove ci aspettiamo di vedere proprio il nuovo SoC. Stando a quanto riportato dal portale DigiTimes, l’intenzione dei due colossi tecnologici è di arrivare ad un milione di unità prodotte all’anno, metà con il marchio Qualcomm e l’altra metà con quello ROG: un obiettivo ambizioso, che apre nuovi scenari nel settore del gaming.

Fonte: Digitimes

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti