Home » Smartphone » MediaTek scommette sui top di gamma: Dimensity 1200 e 1100 ufficiali
mediatek dimensity 1200 e 1100

MediaTek scommette sui top di gamma: Dimensity 1200 e 1100 ufficiali

di Roberto Naccarella

La sfida non è solo tra Qualcomm ed Exynos. Il produttore statunitense ha recentemente lanciato i suoi due nuovi processori per dispositivi mobili, Snapdragon 888 e Snapdragon 870, mentre Samsung ha lavorato molto per rendere Exynos 2100 un chip all’altezza dei processori di Qualcomm (pare con ottimi risultati). Tuttavia, in questo scontro è subentrata anche MediaTek, che non ha affatto intenzione di fare da “sparring partner” ed ha presentato Dimensity 1200 e 1100.

Proprio nelle scorse ore, infatti, MediaTek ha annunciato il lancio di due processori che interesseranno la fascia alta. Dimensity 1200 e 1100 5G sono ora i più potenti SoC del chipmaker asiatico, anche se solo il primo sembra essere il chip in grado di competere al meglio con Snapdragon 870 e 888. Ma quali sono le caratteristiche di questi due nuovi processori? Partendo proprio dal Dimensity 1200, notiamo subito un processo produttivo a 6 nm (quello di Snapdragon 888 è a 5 nm) e una struttura octa-core, inclusivo di una GPU Mali-G77 a 9 core. Il chip è composto da una CPU Cortex-A78 a 3 GHz, 3 Cortex-A78 a 2,6 GHz e 4 Cortex-A55 a 2 GHz.

Per quanto riguarda invece Dimensity 1100 5G, troviamo quattro core Cortex-A78 a 2,6 GHz e altri quattro core Cortex-A55 a 2 GHz, con una GPU Mali-G77. Il supporto arriva fino al refresh rate di 144 Hz, leggermente inferiore a quello del MediaTek 1200 (168 Hz): tuttavia, entrambi i processori sembrano essere soluzioni ideali per i prodotti destinati al gaming. Naturalmente non può mancare la connettività 5G. Vedremo questi nuovi chip su alcuni telefoni di Oppo e Xiaomi nel primo trimestre, o al massimo nel Q2 del 2021. Il chip più potente dei due sarà inoltre a bordo dell’imminente Realme X9 Pro.

Fonte

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti