Home » App & Gaming » Google Stadia arriva su tutti gli smartphone Android grazie al modding
google stadia

Google Stadia arriva su tutti gli smartphone Android grazie al modding

di Michele Ingelido

Il lancio di Google Stadia non è stato dei migliori, ma c’era da aspettarselo dato che il servizio è stato reso disponibile solamente per alcuni dispositivi e per chi ha acquistato il bundle iniziale, mentre verrà espanso solo in seguito. In quanto agli smartphone, per adesso la piattaforma di cloud gaming è utilizzabile ufficialmente solo sui dispositivi Pixel di Google dalla serie 3 alla 4, inclusi 3a e 3a XL. Ma ci hanno pensato gli sviluppatori terzi di XDA ad estendere il supporto del servizio anche a tutti gli altri smartphone Android.

Con il modding, seguendo una particolare procedura, è infatti possibile far credere a Google Stadia che il proprio cellulare sia un Pixel, in modo tale da poter usufruire del servizio con qualsiasi terminale Android. Per seguire questa procedura c’è bisogno di aver sbloccato i permessi di root sullo smartphone e di avere Magisk e l’app di Google Stadia, nonchè un PC con ADB.

Procedura per Google Stadia su tutti gli smartphone Android

Una volta provvisto a tutto ciò, va aperto MagiskManager e trovato il modulo MagiskHide Props Config. Bisogna poi installare questo modulo e riavviare il dispositivo. Fatto ciò, si deve collegare lo smartphone al PC con debug USB attivo, aprire il prompt dei comandi e ADB, quindi digitare props. Bisogna poi dare, in ordine, i comandi “5” per aggiungere un prop, “n” per creare un nuovo prop, “ro.product.model” da inserire come nome del prop, “Pixel 4” come valore del prop, “y” per accettare le modifiche e “n” per non avviare subito lo smartphone.

Ripetete dal primo “n” in poi ma invece di “ro.product.model” impostate “Google”. Infine date il comando “y” per avviare lo smartphone. Digitando i comandi “getprop ro.product.model” e “getprop ro.product.manufacturer” potete verificare che tutto sia andato a buon fine. Per adesso la procedura funziona, ma non sappiamo se Big G deciderà di disattivarla o meno in futuro. Al link qui sotto trovate la pagina di XDA con la guida.

fonte

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.

Potrebbe anche interessarti