Home » Software » Digital Services Act, nuovo regolamento UE contro fake news e illegalità
Facebook

Digital Services Act, nuovo regolamento UE contro fake news e illegalità

di Roberto Naccarella

E’ stato finalmente raggiunto l’accordo sul Digital Services Act, ovvero il disegno di legge che obbliga le big tech ad avere più responsabilità sulle fake news e sui contenuti illegali che girano sui propri siti. Grazie a questo regolamento – approvato dopo circa 16 ore di trattative – impone ora a piattaforme come Facebook, YouTube o Twitter di moderare in maniera più adeguata i contenuti, stanando quelli nocivi e prendendo le giuste misure per arginare la diffusione di bufale e l’illegalità.

Un’intesa che è stata salutata con grande soddisfazione dalla presidente della Commissione UE, Ursula Von der Leyen, che ha sottolineato come ciò che è illegale offline diventerà effettivamente illegale anche online nell’Unione Europea. Per Von der Leyen è un segnale forte, che proteggerà gli utenti online e garantirà libertà di espressione e opportunità per le imprese. Di fatto, il Digital Services Act è un aggiornamento della direttiva sull’e-commerce, introdotta all’incirca un ventennio fa.

L’obiettivo principale di questo disegno di legge è quindi quello di limitare i contenuti dannosi che circolano sui social network, comprese le pubblicità di prodotti contraffatti o potenzialmente pericolosi. Con il Digital Services Act, le piattaforme sono tenute a rimuovere i contenuti nocivi e illegali non appena ne vengono a conoscenza. Alle piattaforme “giganti”, come Google, Apple, Facebook, Microsoft, verrà chiesta anche una maggiore trasparenza sui dati e l’impegno nel mettere in campo tutti i mezzi possibili per individuare ed eliminare i contenuti pericolosi.

Una misura molto richiesta e anche alquanto necessaria in tempi di guerra, basti pensare all’alto livello di disinformazione in circolo in questo periodo per capirlo.

Fonte

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti