Home » Software » Android 13 è realtà con la prima Developer Preview: ecco le novità
android 13 tiramisu

Android 13 è realtà con la prima Developer Preview: ecco le novità

di Roberto Naccarella

Android 13 si avvicina a grandi passi e gli utenti che non vedono l’ora di provarlo possono già usufruire delle factory image. Come era facile immaginare, la tredicesima versione del robottino verde sarà ricca di novità molto interessanti, tra cui la possibilità di personalizzare al massimo con le icone basate sui temi. Google ha appena rilasciato la prima Developer Preview della nuova iterazione, ovvero la prima anteprima per sviluppatori che consente di dare uno sguardo iniziale alla nuova versione.

Come sanno bene gli utenti Android, la DP1 è pensata per gli sviluppatori, per favorire un primo approccio con la realtà di Android 13. Per arrivare alla versione definitiva di Android 13 bisognerà attendere ancora diversi mesi: stando a quanto trapelato online, il rilascio ufficiale avverrà nella seconda metà di quest’anno. Nel frattempo, BigG provvederà a rilasciare un’altra Developer Preview entro il mese di marzo, per poi lanciare quattro Beta da aprile a luglio.

Ma quali sono gli smartphone idonei per cominciare a testare Android 13? Come consuetudine, Google riserva questo privilegio solo ad alcuni telefoni Pixel, ovvero Pixel 4, Pixel 4 XL, Pixel 4a, Pixel 4a 5G, Pixel 5, Pixel 5a, Pixel 6 e Pixel 6 Pro, mentre gli smartphone Pixel un po’ in là con gli anni – come ad esempio il Pixel 3a – vengono esclusi da questa possibilità.

Le novità di Android 13 Tiramisù

Sebbene siamo ancora alla prima anteprima per sviluppatori, le novità sono già tantissime. Chi l’ha installata ha notato un’espansione del linguaggio Material You con i colori adattivi disponibili per le app di terze parti. C’è inoltre un maggior livello di privacy per la condivisione delle foto grazie alla funzione Photo Picker (le app potranno accedere solo alle foto selezionate) e per la ricerca del Wi-Fi che elimina l’accesso al GPS. Il cambio della lingua per le singole app diventa più facile e il Play Store ha sempre più componenti aggiornati.

Sono stati introdotti nuovi Quick Toggle (lettore di codici QR, modalità a una mano e correzione colore) e dei tasti in più nella notifica Now Playing (tra cui gli slider del volume per ogni sorgente audio). La modalità silenziosa ha una nuova logica che include la disattivazione di vibrazione e feedback aptico e c’è una maggiore flessibilità per gli ospiti con possibilità di condividere app dal profilo principale.

E’ stato introdotto il passaggio dalla modalità picture in picture allo split screen, due nuovi layout per tablet e pieghevoli e la possibilità di aggiungere una sesta app nella taskbar per dispositivi su schermi grandi. Attivazione e disattivazione della torcia possono essere aggiunti alla funzionalità Quick Tap e si può disattivare la scorciatoia per richiamare l’assistente virtuale tenendo premuto il tasto Home.

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti