Huawei Mate 9, finalmente arriva EMUI 8.0 con Android Oreo: le principali novità

Sono diverse settimane che arrivano voci insistenti in merito all’imminente aggiornamento dell’ex modello di punta Mate 9 al nuovo sistema operativo di Google, Android Oreo. Ultimamente erano partiti dei test beta in proposito che si sono appena conclusi. Adesso, finalmente, dopo tanta attesa Huawei ha rilasciato l’aggiornamento in questione. Esso riguarderà dispositivi importanti dell’azienda orientale come Huawei Mate 9, 9 Pro e 9 Porsche Edition. Tutti i possessori di questi smartphone potranno finalmente ottimizzare al meglio l’utilizzo del proprio dispositivo grazie ai miglioramenti e alle innumerevoli funzionalità apportate da EMUI 8.0 con Android Oreo.

Una volta installato il nuovo aggiornamento sui dispositivi della serie Huawei Mate 9, gli utenti avranno, ad esempio, la possibilità di utilizzare una funzionale modalità PC che consente di ottimizzare al massimo la propria esperienza quando il proprio smartphone è connesso ad un display esterno. Un po’ come essere connessi direttamente da un desktop. La sua modalità di funzionamento è pressoché simile a quella del Samsung DeX con l’unica differenza che, in questo caso, si deve obbligatoriamente utilizzare un cavo esterno per poter stabilire la connessione. Grazie, poi, alla doppia connessione Bluetooth è possibile connettere ad Huawei Mate 9 sia una tastiera che un mouse wireless senza alcun problema ed in maniera immediata.

Huawei Mate 9

Interessante anche un’altra funzione introdotta con il nuovo aggiornamento di Huawei Mate 9. Stiamo parlando della cosiddetta Smart Split Screen  che permette di tenere sotto controllo diverse schermate contemporaneamente. Utilissima, ad esempio, se stiamo guardando un film ed arrivano notifiche da altre applicazioni. Anche le scorciatoie per accedere più rapidamente alle applicazioni più utilizzate hanno subìto un notevole miglioramento. L’aggiornamento è in fase di distribuzione su tutte le unità del dispositivo proprio in questo momento e sarà presto disponibile su tutti i dispositivi. Per l’installazione, comunque, consigliamo sempre di utilizzare una rete Wi-Fi per evitare un consumo eccessivo di traffico dati da mobile.

Via