Home » PC » Toshiba abbandona il mercato dei PC portatili: se ne va un pioniere
toshiba

Toshiba abbandona il mercato dei PC portatili: se ne va un pioniere

di Michele Ingelido

Negli anni ’80 Toshiba fu uno dei primi produttori a lanciare dei PC portatili disponibili a livello commerciale. Fu quindi uno dei pionieri nel settore dei laptop, ma dopo ben 35 anni di business ha deciso di abbandonare definitivamente questo mercato. Le prime avvisaglie di questa decisione si erano già viste nel 2018, quando la celebre azienda giapponese vendette l’80,1% del suo business dei PC ad un’altra famosa casa produttrice giapponese: Sharp.

Quest’ultima rinominò la divisione portatili del brand in Dynabook. Ed è stata la stessa azienda ad inglobare il restante 19% delle quote della divisione notebook di Toshiba, sempre sotto la linea Dynabook: con un accordo iniziato a Giugno che si conclude proprio questo mese, l’azienda dice ufficialmente addio ai computer portatili dopo 35 anni. Tra le serie più famose di prodotti dell’azienda ci sono Satellite, Portégé e Qosmio, che hanno fatto la storia del brand ma che sono andate gradualmente a perdere importanza in termini di vendite.

Il mercato dei PC portatili ha infatti subito un declino in tutto il mondo e Toshiba a quanto pare ha trovato maggiori difficoltà a sopravvivere all’interno di questo settore. Allo stesso tempo sono cresciute le aziende concorrenti come HP e Dell. Per questo motivo ha trovato più sensata la decisione di vendere il suo business.

Via: Gizmodo

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.

Potrebbe anche interessarti