Apple AirPods avranno la ricarica wireless nel 2019 ma niente cambi di design secondo Ming-Chi Kuo

Non sono pochi coloro che stanno attendendo con trepidazione l’arrivo dei nuovi modelli AirPods, ovvero gli auricolari senza fili, ma secondo l’analista Ming-Chi-Kuo, (costantemente aggiornato sulle novità di casa Cupertino) bisognerà attendere qualche tempo per vedere un nuovo design, più specificamente il 2020. Ovviamente questo non significa che per il prossimo anno, l’azienda statunitense non abbia intenzione di rinnovare il modello precedente. Infatti secondo alcune voci di corridoio sembrerebbe che Apple sia al lavoro per lanciare una nuova versione degli auricolari true wireless caratterizzandoli con la ricarica senza fili invece che con un’estetica differente.

Tuttavia questi AirPods possono essere già caricati senza utilizzare i classici fili, basta utilizzare la custodia inserendoli al suo interno, ma secondo l’analista la novità potrebbe risiedere in quest’ultima. Cosa vuol dire? In pratica, nel prossimo anno potremo assistere ad un’innovazione tecnologica non da poco: i suddetti dispositivi potranno essere ricaricati con una custodia wireless e avranno la compatibilità con le basi di ricarica wireless. Se ciò verrà reso possibile, la custodia potrebbe essere venduta a parte, come accessorio a sè stante.

Sempre secondo Chi-Kuo, i nuovi Apple AirPods potrebbero essere caratterizzati da un materiale molto più resistente, adatti a qualunque circostanza, capaci di resistere al sudore e agli sbalzi termici. Se così fosse, naturalmente il prezzo tenderà ad aumentare. Oltre a queste specifiche non abbiamo altre informazioni al riguardo, l’unica cosa che sappiamo è che gli AirPods dotati di ricarica wireless tramite la custodia potrebbero essere disponibili a partire da settembre 2019.

Nadia Conace

Mi chiamo Nadia Conace e sono una web writer. La mia passione è sempre stata la scrittura. Amo scrivere su ogni genere di argomento ma in particolar modo mi piace soffermarmi sulla tecnologia. Studiare per poi trasmettere ciò che imparo è la mia più grande soddisfazione.