Home » Software » Google Assistant: ora si può regolare la sensibilità e migliorare Voice Match
google assistant

Google Assistant: ora si può regolare la sensibilità e migliorare Voice Match

di Roberto Naccarella

Ottime notizie per tutti i possessori italiani di dispositivi con Google Assistant, l’assistente vocale di Big G. La sensibilità del comando di attivazione “Ok Google” può ora essere regolata anche nel nostro Paese. L’opzione può essere calibrata separatamente per ogni dispositivo Home e Nest in possesso dell’utente. La funzione, che si può trovare all’interno delle impostazioni del proprio dispositivo, arriva in Italia dopo qualche giorno dal lancio ufficiale.

E’ stato inoltre rinnovato Voice Match, una funzionalità che permette al dispositivo di riconoscere l’utente attraverso la sua voce al fine di fornire risposte ad esso attinenti in base ai dati contenuti nel suo account. Ma perchè il colosso di Mountain View ha voluto realizzare una regolazione di questo tipo? L’esigenza è stata dettata dal fatto che in qualche occasione Google Assistant faticava a riconoscere l’interlocutore dal timbro vocale. In alcuni casi, poi, poteva accadere che l’assistente vocale si attivasse senza aver ricevuto alcun comando, solo per aver captato delle frasi vagamente somiglianti. Inoltre, con questa funzione si va ad evitare che vari dispositivi vadano ad attivarsi tutti insieme.

Ma quante sono le voci che è possibile registrare su Voice Match? In tutto sono 6, stando a quanto riferito dallo stesso gigante della tecnologia di Mountain View. In aggiunta a questa importante novità che va ovviamente a migliorare l’assistente vocale, Big G ha anche lavorato molto sull’aspetto della privacy e dei dati collezionati, in modo tale da rendere Google Assistant sempre più trasparente. Saranno gli utenti a decidere se rendere disponibili i propri dati al controllo umano o meno.

Fonte

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.

Potrebbe anche interessarti