Macbook Pro 2016: ecco tutte le novità dell’evento Apple

L’evento Apple proprio poco fa è terminato e le novità che ci sono state sono davvero molto interessanti e sopratutto ad alcuni è rimasto un po’ d’amaro in bocca. Di fatto il Macbook Air non sarà più in vendita ma sarà sostituito da Macbook Pro che ha un design che si avvicina per via di una sottigliezza davvero incredibile.

Le novità sono davvero parecchie, quindi partiamo subito!

Macbook Pro: ecco le feature principali

Design

Il design di questi nuovi Macbook Pro è davvero molto interessante: è molto simile a quello che abbiamo già visto con il nuovo Macbook. Quindi un design davvero molto minimal con una leggerezza unica. Purtroppo i dati tecnici precisi sulle dimensioni e peso ancora non sono state rilevate. Addirittura il nuovo Macbook Pro è più sottile del Macbook Air del 12%. Il display non cambierà, avrà la stessa risoluzione Retina Display e ci saranno ovviamente i modelli da 13 e 15 pollici. E’ interessante fra l’altro che i nuovi Macbook Pro hanno un design quadrato: questo ha permesso di ottimizzare al meglio gli spazi della cornice dello schermo.  Inoltre abbiamo un nuovo touchpad che è davvero enorme: è il doppio più grande rispetto ai modelli precedenti, incredibile. E’ spesso solamente 15,5 mm. Anche la tastiera ha delle novità, adesso infatti sfrutta lo stesso sistema che abbiamo sul Macbook, ma di una generazione successiva. A quanto sembra la corsa sarà abbastanza lunga per offrire una migliore digitazione. Purtroppo la mela non sarà illuminata!

 

Touch Bar

Ciò che è davvero interessante di questo nuovo Macbook Pro è ovviamente la barra Touch, chiamata Touch Bar. Quest’ultima è davvero un vero e proprio secondo schermo dalle dimensioni abbastanza compatte ma sufficienti ad un integrazione con il sistema operativo. Fra l’altro in questa barra, dove possibile ci saranno tutte le scorciatoie delle varie App. Apple ha annunciato che saranno compatibili con tutte le applicazioni di Adobe e non solo: ci sarà anche un integrazione con le App di Microsoft, anche Skype. La nuova touch bar non sarà disponibile in tutti i modelli, volendo si può acquistare una versione base senza questa touch bar risparmiando ben 400 dollari, che non sono pochi per avere questo piccolo display, ma non sarà solo la touch bar a mancare nel modello base. Una feature molto importante è la presenza del sistema Apple Pay, questo permetterà di pagare tramite il touch ID che è presente sulla barra. Il touch ID fra l’altro sarà comandato da un processore a parte dedicato.

Scheda tecnica e connettività

La scheda tecnica è forse un lato che ha deluso un po’, ma probabilmente ci sono ritardi per quanto concerne la produzione proprio di Intel. Tutti si aspettavano infatti processori Intel Kabe Lake, in realtà al loro interno ci sono ancora i “classici” Skylake, che comunque non sono processori che vanno male. Le configurazioni partono con processori Intel Core i5 dual-core fino a processori Intel Core i7 quad-core. La versione base, quindi quella senza TouchBar avrà 8GB di memoria RAM e 256GB di memoria interna SSD e ci saranno 2 porte Thunderbolt 3. Per i modelli invece con la touch bar le porte Thunderbolt saranno 4. Per i modelli con scheda video dedicata ci sarà una Ati Raedon Pro 450 Graphics dove Apple ammette di avere un incremento del 130% per quanto riguarda le perfomance rispetto ai modelli precedenti. Processori che fra l’altro saranno dissipati da un nuovo sistema di ventole che introdurranno aria fredda dalle parti laterali (vicino alle casse) e la faranno uscire dalla parte posteriore mantenendo il telaio dei nuovi Macbook Pro sempre molto fresco, data anche la presenza di due ventole.

Uscita e prezzo

I nuovi Macbook Pro saranno disponibili sin da subito con prezzi a partire da 1500 dollari fino a 2400 dollari, ovviamente a seconda della configurazione. Per chi vorrà il nuovo Macbook Pro con la touch bar dovrà attendere 4 settimane in più per il previsto.

Via

Oliviero Santolo

Un giovane appassionato collaboratore di Tech4D.it che fornisce il suo supporto al sito tramite la redazione di articoli riguardanti la tecnologia.