Home » Guide » Guide Tech » Come pagare con lo smartphone nella vita reale (pagamenti contactless)
pagare con lo smartphone

Come pagare con lo smartphone nella vita reale (pagamenti contactless)

di Michele Ingelido

Ci spostiamo sempre più verso una società cashless e siamo arrivati ad un punto in cui per effettuare pagamenti ovunque non c’è più nemmeno il bisogno di portarsi dietro il portafogli. Sì, perchè oggi giorno si può pagare con lo smartphone, e proprio il telefono che è ormai il dispositivo che utilizziamo di più può diventare il nostro portafogli.

I cellulari dotati di supporto alla tecnologia NFC, grazie a degli speciali sistemi di pagamento disponibili su Android e iPhone, possono effettuare pagamenti contactless come se fossero delle vere e proprie carte. E al loro interno è possibile aggiungere tutte le carte di credito, debito e prepagate che abbiamo, incluse Visa, Mastercard, Unicredit, Intesa San Paolo, PayPal e chi più ne ha più ne metta. Analogamente a quanto accade con carta, il pagamento con il telefonino si può fare e far accettare semplicemente avvicinando il telefono al POS.

In questa guida vi spiegheremo nel dettaglio come pagare con lo smartphone nei negozi fisici e in tutte le attività dotate di un POS, illustrandovi come funziona ogni sistema di pagamento, tra cui Google Pay e Apple Pay. Vi forniremo inoltre delle alternative per pagare con il telefono senza funzione NFC tramite apposita applicazione per acquistare prodotti, credito telefonico e tanto altro.

N.B: Pagare con lo smartphone via NFC è gratis e non comporta commissioni aggiuntive. Per i pagamenti contactless è possibile utilizzare le proprie carte di credito, di debito o prepagate dopo averle registrate sul sistema di pagamento dello smartphone.

Indice

Come pagare con il telefono su Android

app per pagare

Come si paga con lo smartphone Android? Esiste un metodo principale che prevede l’uso della piattaforma Google Pay, ma ci sono anche metodi alternativi per smartphone Huawei e Samsung. Tuttavia c’è da fare una precisazione molto importante: si può pagare con lo smartphone tramite POS solo utilizzando modelli dotati della connettività NFC.

Per chi non lo sapesse, l’NFC è una connettività a corto raggio che consente lo scambio di informazioni avvicinando due dispositivi. Nel caso dei pagamenti da smartphone, il modulo NFC viene utilizzato per i pagamenti contactless avvicinando lo smartphone al POS che lo va a riconoscere. Se il cellulare non è dotato di NFC, non è possibile pagare con lo smartphone effettuando pagamenti contactless in nessun negozio o locale.

Potete verificare se il vostro telefono è dotato di NFC dalla sua scheda tecnica, dal manuale o dalle impostazioni (se accedendo alla voce Altre impostazioni wireless o di connettività trovate opzioni per l’NFC allora è presente). Se il vostro device ha l’NFC proseguite nella lettura di questa guida, altrimenti saltate all’ultima sezione. Dove si può pagare con lo smartphone Android? Semplice: in tutte le attività che hanno un POS e che possono quindi accettare pagamenti contactless.

Google Pay

google pay

Il sistema di pagamento principale utilizzato per pagare su Android è Google Pay. La piattaforma è integrata su tutti gli smartphone Android odierni ad eccezione di quelli Huawei sprovvisti di servizi Google (se avete un Huawei senza servizi Google saltate al paragrafo su Huawei Pay), e su quelli meno recenti si può scaricare sotto forma di app dal Play Store.

Utilizzare Google Pay per pagare con il telefono è facilissimo, tuttavia prima di farlo bisogna configurarlo collegandolo alle vostre carte, altrimenti tramite quale mezzo dovreste pagare? Andiamo quindi a vedere nel dettaglio come procedere.

Configurazione

Per effettuare la configurazione la prima cosa da fare è andare sulle Impostazioni di Android (se il vostro device è datato e non ha Google Pay preinstallato allora dovrete andare sulle impostazioni dell’app Google Pay per configurare), quindi scegliere Connessioni dispositivo.

Proseguite selezionando NFC e poi accendete l’interruttore in corrispondenza di NFC spostandolo su On. Spostatevi nella sezione Tocca e paga delle impostazioni e verificate che Google Pay sia l’applicazione predefinita: se non c’è toccate su App predefinita e selezionate Google Pay. La configurazione preliminare è completata: adesso dovrete aggiungere la/e vostra/e carta/e alla piattaforma. Per fare ciò aprite l’app di Google Pay, toccate su Inizia e scegliete Aggiungi una carta.

google pay app

Inserite i dati della carta inclusi il numero della carta, data di scadenza con mese e anno, CVV e indirizzo di fatturazione nei campi corrispondenti, quindi toccate su Salva. La stessa configurazione potete farla accedendo al sito di Google Pay da desktop con lo stesso account Google che usate sullo smartphone. Riepilogando:

  1. Aprite le Impostazioni (o le impostazioni dell’app Google Pay se il vostro smartphone è datato)
  2. Toccate su Connessioni dispositivo
  3. Scegliete NFC e attivatelo con l’apposito interruttore
  4. Scegliete Tocca e paga nelle impostazioni
  5. Verificate che sia impostato Google Pay come metodo di pagamento e se non lo è, impostatelo toccando su App predefinita
  6. Aprite Google Pay
  7. Toccate su Inizia
  8. Selezionate Aggiungi una carta
  9. Inserite i dati della carta
  10. Toccate su Salva

Pagare da smartphone con Google Pay

Una volta effettuata la configurazione non vi resta che andare in negozio e pagare con smartphone. Come fare? Questa è la parte più semplice. Prima di tutto, affinchè ciò sia possibile dovete avere l’NFC attivo. Qualora non lo abbiate attivato fatelo dalle impostazioni o dalla barra dei toggle rapidi accessibile nel menu delle notifiche.

Al momento del pagamento, non dovrete fare altro che sbloccare lo smartphone e avvicinarlo al POS proprio come fareste con una carta contactless. Dovrete quindi attendere che il pagamento venga effettuato automaticamente: sullo smartphone apparirà il simbolo che confermerà che la transazione è avvenuta con successo, mentre sul POS apparirà Transazione eseguita. Riepilogando, per pagare con lo smartphone seguite questa procedura:

  1. Attivate l’NFC se non è attivo
  2. Sboccate lo smartphone
  3. Avvicinate il telefono al POS
  4. Attendete la comparsa del simbolo che conferma l’avvenuto pagamento

Huawei Pay

Huawei Pay pagamento

Gli smartphone Huawei non possono più integrare i servizi Google a causa del ban imposto dagli Stati Uniti. Tra i servizi Google naturalmente è incluso anche Google Pay e ciò si traduce nell’impossibilità di pagare con lo smartphone. Per questo motivo Huawei ha creato il suo sistema di pagamento: Huawei Pay.

Esso funziona in modo analogo a Google Pay, con la tecnologia Visa Token Service che riduce l’esposizione delle informazioni personali evitando che compaiano nelle transazioni e memorizzandole sul dispositivo. Purtroppo Huawei Pay non è ancora disponibile in Italia, ma l’azienda ha fatto sapere che arriverà nel nostro Paese entro il 2020.

Samsung Pay

samsung pay

Come suggerisce anche il nome, Samsung Pay è il sistema per pagare con lo smartphone dai dispositivi Samsung. È compatibile con molti dei telefoni del colosso sudcoreano rilasciati negli ultimi anni, inclusi gli ultimi modelli delle serie Galaxy S e Note, ma smartphone pieghevoli, molti cellulari della serie Galaxy A e gli smartwatch Samsung. Il primo passo da fare per utilizzare Samsung Pay è scaricare l’app sullo smartphone, qualora non sia già presente.

Va quindi effettuato l’accesso con il proprio account Samsung (potete crearne uno se non lo avete) e poi va selezionata la voce Aggiungi carta per registrare una carta nel sistema. La carta va quindi inquadrata con la fotocamera e poi vanno inseriti i dati e seguite le istruzioni a schermo per ultimare la registrazione. Specifichiamo che potrebbe essere richiesta una conferma tramite SMS, chiamata o e-mail e che è necessaria la connessione a internet.

Per pagare con lo smartphone tramite Samsung Pay bisogna toccare la parte inferiore del display dello smartphone, selezionare la carta da usare, identificarsi e avvicinare lo smartphone al POS, e il gioco è fatto. Specifichiamo che sui dispositivi Samsung resta comunque utilizzabile anche Google Pay.

Come pagare con lo smartphone su iPhone

Apple Pay

Sugli iPhone (ed anche sugli smartwatch della serie Apple Watch) si può pagare con il telefono utilizzando il circuito Apple Pay, pioniere dei sistemi di pagamento in Italia. Ma prima di pagare bisogna aggiungere la carta o le carte al proprio portafogli.

Configurazione

Per configurare Apple Pay dovete aprire l’app Wallet su iPhone e toccare sul segno + per aggiungere una nuova carta. Toccate poi su Continua e quindi inquadrate la carta con la fotocamera del melafonino, o in alternativa scegliete Inserisci i dati della carta ed effettuate l’inserimento manuale di Nome, Numero della carta e Data di scadenza. Proseguite toccando su Avanti e poi su Accetto. Scegliete un’opzione di verifica e verificate la vostra carta, quindi toccate su Avanti e seguite le istruzioni. Ricapitoliamo:

  1. Aprite l’app Wallet
  2. Toccate sul +
  3. Selezionate Continua
  4. Inquadrate la carta o inserite i suoi dati manualmente
  5. Toccate Avanti
  6. Toccate su Accetto
  7. Verificate la carta tramite una delle opzioni proposte
  8. Toccate Avanti e seguite le istruzioni a video

Pagamento contactless con Apple Pay

Al momento del pagamento, se avete un iPhone X o modelli successivi, pigiate due volte il tasto di accensione ed effettuate l’autenticazione con il Face ID, quindi scegliete la carta da usare per pagare con lo smartphone e avvicinate il vostro iPhone al POS per pagare. Se invece possedete un iPhone senza Face ID ma con il Touch ID, avvicinatelo direttamente al POS, poi selezionate la carta con cui pagare e poi effettuate l’autenticazione con il Touch ID. Quindi, per pagare con iPhone X e successivi:

  1. Premete due volte il tasto di accensione
  2. Autenticatevi con il Face ID
  3. Scegliete la carta tramite cui pagare con lo smartphone
  4. Avvicinate lo smartphone al POS e attendete conferma

Per pagare con i modelli di iPhone precedenti a iPhone X:

  1. Avvicinate il cellulare al POS
  2. Selezionate la carta con cui pagare
  3. Effettuate l’autenticazione con il Touch ID
  4. Attendete il messaggio di conferma

Come pagare con smartphone senza NFC

apple pay

Se non avete l’NFC purtroppo non c’è modo di effettuare pagamenti contactless nei negozi e in altri esercizi commerciali, ma c’è un’alternativa. Si chiama Satispay, è gratis su Android e iOS ed è un circuito con il quale sono convenzionati parecchi negozi e attività.

Vi si possono pagare anche ricariche telefoniche, bollettini e il bollo auto, tra gli altri servizi. Il tutto con la possibilità di ricevere dei rimborsi di una percentuale di ogni transazione, i quali vengono erogati nell’app. Per scoprire tutto ciò che potete fare con Satispay, scaricate l’app da Play Store o App Store. Se desiderate scoprire tutte le altre alternative per pagare con lo smartphone senza NFC, consultate la nostra guida con le migliori app per pagare con lo smartphone via NFC e senza.

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.

Potrebbe anche interessarti