Home » Software » App iPhone, iOS 11 non supporterà ben 187.000 applicazioni a 32 bit
iOS 11

App iPhone, iOS 11 non supporterà ben 187.000 applicazioni a 32 bit

di Roberta Betti

L’arrivo del tanto atteso iOS 11 è previsto entro un paio di settimane, ma a quanto pare non sarà un update tutto rose e fiori per chi ha utilizzato fino ad oggi app iPhone studiate per essere compatibili con un’architettura a 32 bit. L’ultima iterazione di iOS non le supporterà affatto, in vista di una transizione definitiva alle app 64 bit: un problema non indifferente per tutti i developer e gli utenti che fino ad oggi hanno fatto affidamento su oltre 187.000 app create secondo questo standard.

Le app iPhone più datate rimarranno comunque su App Store, in modo che gli utenti che non hanno effettuato l’aggiornamento possano comunque scaricarle e utilizzarle comodamente. Tuttavia, in vista del debutto di iOS 11 e delle versioni successive del sistema operativo, c’è da aspettarsi che in futuro la casa di Cupertino le rimuova del tutto, per dare spazio al nuovo standard. Quali categorie di utenti iOS saranno le più colpite da questa imprevista novità?

La maggioranza di app iPhone a 32 bit attualmente presenti su App Store sono costituite da giochi (circa 38619 applicazioni in tutto), software per l’intrattenimento, il lifestyle e l’istruzione personale. Saranno quindi questi gli utenti iOS 11 che dovranno trovare validi sostituti per le loro app preferite, se vorranno effettuare l’aggiornamento all’ultima versione dell’OS.

Al momento non è dato sapere quanti developer abbiano effettivamente creato le loro app seguendo il consiglio della Mela, che ad inizio 2017 suggeriva di costruire il futuro software per iOS sfruttando un’architettura più evoluta, in vista dell’abbandono di quella più obsoleta: scopriremo al debutto del nuovo sistema operativo se questo consiglio ha portato frutti e in che modo sarà recepito dagli utenti.

via

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti