Google Pixel 2 XL soffre di burn-in: la risposta di Google

Secondo parecchi importanti recensori, il nuovo Google Pixel 2 XL ha problemi di burn-in già dopo pochi giorni di utilizzo. Nel caso non lo sapesse, il burn-in è un fenomeno che si verifica sui display OLED a lungo andare: in pratica si creano delle immagini fantasma che rimangono impresse anche quando si cambia schermata. Tuttavia nel nuovo top di gamma di Google prodotto da LG, a detta di importanti testate tra cui anche la famosa TheVerge, il burn-in si verifica dopo pochissimo tempo di utilizzo.

Non è confermato che si tratti proprio di burn-in, potrebbe essere solo retenzione di immagine: la differenza tra i 2 fenomeni sta nel fatto che il primo è permanente, il secondo temporaneo. Google ha deciso di rispondere a queste segnalazioni informando il pubblico evidenziando le caratteristiche del display di Google Pixel 2 XL ed ha dichiarato di essere all’opera per investigare sulle segnalazioni arrivate. Di seguito il comunicato di Big G in risposta a TheVerge, tradotto in italiano.

Lo schermo di Pixel 2 XL è stato con un’avanzata tecnologia POLED che include la risoluzione Quad HD+, un’ampia gamma di colore, e un alto contrasto per colori e rendering naturali. Sottoponiamo tutti i nostri prodotti a estesi test di qualità prima del lancio e durante la produzione di ogni unità. Stiamo investiganto attivamente questa segnalazione.

Google Pixel 2 XL è uno smartphone con un display borderless in formato 18:9 realizzato con tecnologia P-OLED, ed ha una risoluzione Quad HD+. Dopo LG V30, questo è il primo smartphone di LG ad avere la tecnologia P-OLED dopo diversi anni in cui l’azienda ha impiegato solo panelli LCD sui propri smartphone (fu il G Flex 2 uno degli ultimi terminali con pannello OLED). Se il problema del nuovo Pixel fosse ufficialmente riconosciuto da Google, verrà probabilmente offerta ai clienti una sostituzione dello smartphone in garanzia, o magari, anche se molto meno probabile, un rimborso. Specifichiamo che questo problema non riguarda la versione normale del Pixel 2, prodotta invece da HTC e con display LCD.

fonte

Michele Ingelido

Sono Michele Ingelido, un blogger che lavora nel settore tecnologico da anni. Da perito tecnico mi definisco non solo un incurabile fanatico della tecnologia, ma anche un profondo estimatore di tutto ciò che intelligentemente crea innovazione, specie se in modo anticonformista e controcorrente… Un po’ come il Rock ‘n Roll! E-mail for any request: info@tech4d.it