Arriva Butterflylq: le ecografie da smartphone saranno realtà dal 2018?

E’ ambizioso il progetto della Butterfly Network: con il suo Butterflylq l’azienda permetterà nel 2018 di avere in casa un dispositivo che consente di fare le ecografie con uno smartphone. La Food and Drug Administration (FDA), ente governativo statunitense che si occupa di regolamentare i prodotti farmaceutici, ha già approvato il progetto e probabilmente il progetto sarà lanciato nel 2018. Il dispositivo ha le dimensioni di un rasoio elettrico e non funziona con le stesse modalità di un normale ecografo.

L’azienda ha pensato a Butterflylq per diffonderlo in ambito domestico, pertanto tutte le funzioni sono di facile accesso dallo smartphone che consentirà di inviare eventuali referti tramite immagine grazie anche alla funzione di salvataggio dei dati. Le tredici funzionalità introdotte spaziano da analisi del cuore a quelle fetali e ostetriche fino ad arrivare all’uso applicato all’apparato muscolo-scheletrico e alla gravidanza.

Ovviamente il dispositivo finora è utilizzato solo in ambiti ospedalieri dalle equipe mediche ma l’intento dell’azienda produttrice è quello di rendere Butterflylq d’uso comune. Il costo del dispositivo ammonterà all’incirca a 2000 dollari, un costo sicuramente più contenuto degli apparecchi professionali ma non accessibile a tutti, dovremo attendere dunque il 2018 per capire se il progetto diventerà davvero di uso comune o resterà confinato in ambito medico.

Lia Placido

Magneticamente attratta da tutto ciò che è innovazione senza mezzi termini. Amo il nuovo, la scoperta, l’apparentemente inspiegabile.