Home » Smartphone » Samsung, LG, HTC e Motorola non rallentano i vecchi smartphone come Apple
samsung

Samsung, LG, HTC e Motorola non rallentano i vecchi smartphone come Apple

di Michele Ingelido

Apple è nell’ultimo periodo nell’occhio del ciclone perchè è stata accusata di rallentare i vecchi iPhone, ma è appena emerso che Samsung, LG, HTC e Motorola non fanno lo stesso. L’azienda di Cupertino ha dovuto ammettere il rallentamento degli smartphone e si è anche scusata, dichiarando che lo fa per preservare la vita della batteria ed evitare spegnimenti improvvisi dei dispositivi. Nell’occasione, i più famosi siti di tecnologia hanno chiesto anche alle altre case produttrici più importanti se operano questi rallentamenti tramite aggiornamenti software.

Sia le aziende coreane Samsung e LG che HTC e Motorola hanno dichiarato apertamente che non rilasciano mai update volti a rallentare i dispositivi in caso di batterie troppo usurate. Oltre che a Samsung e alle altre 3 aziende, anche a Google è stata fatta la stessa domanda, ma il colosso di Mountain View non si è ancora pronunciato e quindi si sta ancora attendendo una sua risposta. Nel frattempo Apple, oltre a scusarsi, ha anche lanciato un nuovo programma di sostituzione della batteria, in quanto cambiare batteria ai vecchi iPhone è la soluzione per eliminare i rallentamenti.

Adesso Cupertino offre la sostituzione delle batterie datate ad un prezzo ridotto in USA: 29 dollari invece di 50 dollari. Tuttavia potranno ottenere la sostituzione a questo prezzo solo i possessori di un iPhone che ha davvero una batteria deteriorata a tal punto da necessitare di sostituzione. Sono già 3 le class action aperte contro la mela per i rallentamenti, c’è gente che accusa l’azienda di comportamenti fraudolenti, accesso illecito a una proprietà privata e tentativi di portare intenzionalmente gli utenti ad acquistare gli iPhone più recenti. Voi che ne pensate di questa storia?

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti