Home » Software » Huawei perde la licenza ma non gli aggiornamenti: vecchi device al sicuro
huawei watch

Huawei perde la licenza ma non gli aggiornamenti: vecchi device al sicuro

di Roberto Naccarella

Huawei sta provando a tranquillizzare gli utenti dopo l’inasprimento del ban imposto dall’amministrazione Trump, che ha inserito l’anno scorso il gigante cinese nella lista nera con conseguente revoca della licenza da parte di Google. Licenza che finora aveva ottenuto delle proroghe, ma che è ormai giunta a scadenza. Proprio questo aspetto ha preoccupato fortemente i possessori di dispositivi Huawei, agitati dal fatto di non poter più ricevere aggiornamenti di sicurezza e alle app Google nemmeno sui prodotti che hanno preinstallati i servizi Google, lanciati prima della metà di maggio.

Una situazione molto delicata, ed è anche per questo che il colosso asiatico ha scelto di intervenire pubblicamente per sgombrare il campo da ogni dubbio: i GMS continueranno a ad aggiornarsi sia con gli aggiornamenti firmware che con le patch di sicurezza. “Non c’è alcun impatto per i device esistenti – scrive Huawei nel tweet – Continueremo a condividere aggiornamenti software e di sicurezza per i nostri device, come abbiamo sempre fatto”.

Non si sa come farà di preciso l’azienda a garantire tutti gli update, ma queste sono le sue dichiarazioni ufficiali. Il totale di aziende inserite nella Entity List diventa di 152 con il nuovo provvedimento, che va ad aggiungere altri 38 brand di ben 21 paesi diversi. Come spiegato dal segretario di stato americano, Mike Pompeo, Huawei non può ricevere alcun semiconduttore (processori o chip di memoria) fabbricato negli Stati Uniti o realizzato comunque con una tecnologia americana. Mentre i vecchi smartphone sono al sicuro, il business futuro del produttore è ad alto rischio.

Fonte: Twitter

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.

Potrebbe anche interessarti