Home » App & Gaming » WhatsApp, il nuovo aggiornamento Multi Media Server velocizza i download
whatsapp

WhatsApp, il nuovo aggiornamento Multi Media Server velocizza i download

di Roberta Betti

Continua la corsa all’innovazione di WhatsApp, che cerca di introdurre nel nuovo aggiornamento rivolto ad Android e iOS un sistema di trasferimento file più veloce e al passo coi tempi. Il popolare instant messenger si apre al supporto della tecnologia Multi Media Server, un protocollo di file transfer creato da Microsoft per condividere file multimediali in maniera quasi istantanea, con miglioramenti caratteristici rispetto alla precedente versione dell’app.

Multi Media Server su WhatsApp, secondo le intenzioni di Facebook, verrà utilizzato innanzitutto per migliorare il transfer rate dei download da parte degli utenti, dopo essere stato sperimentato con successo per lo streaming video. In concreto, il protocollo permette di scaricare contemporaneamente tanti tipi di file multimediali, senza attendere la fine di ogni download, seguendo un algoritmo intelligente in grado di stabilire quante operazioni sono possibili.

Essendo ancora un feature in fase di test, Multi Media Server WhatsApp funziona con un insieme abbastanza ristretto di file (documenti, video su iOS e GIF): il supporto a file audio e foto arriverà però prossimamente. La qualità delle immagini e dei file scambiati sarà inoltre maggiore rispetto alla norma, in quanto non verrà applicata alcuna particolare compressione pur mantenendo la velocità di file transfer comunque notevole.

Dopo l’arrivo dei tanto discussi “Stati WhatsApp” sulla versione web del messenger, sarà questa la prossima killer feature dell’applicazione? La velocità di trasferimento di file e allegati è sempre stato un punto cardine dei software di messaggistica, quindi certamente si tratta di un update che inciderà parecchio sull’esperienza d’uso e sui feedback degli utenti.

via

MSpy

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti