Il Face ID di iPhone X è stato bypassato da una maschera

Il Face ID è una delle più rivoluzionarie tecnologie introdotte sul mercato degli smartphone ed è arrivata da Apple con il suo nuovo iPhone X. E’ una tecnologia che sfrutta il riconoscimento facciale 3D tramite la fotocamera frontale e dei sensori hardware. Viene usata per l’autenticazione, quindi per sbloccare il telefono, ma anche per altri scopi come ad esempio per i pagamenti con la piattaforma Apple Pay.

Può quindi essere impiegata come principale metodo di sicurezza nell’uso dello smartphone. Tuttavia il Face ID potrebbe non essere così sicuro come si pensa in alcuni casi. L’azienda vietnamita di cyber security Bkav è infatti riuscita a crackare questa tecnologia su iPhone X utilizzando una maschera. Non si tratta di una maschera normale, ci sono voluti 150 dollari di materiali per costruirla ed è stata creata con una stampante 3D. La maschera è però stata in grado di far credere al melafonino di essere la faccia di una persona vera.

Il Face ID è quindi bypassabile, ma non facilmente data l’accortezza, la qualità dei materiali (polvere di pietra) e la ricchezza di dettagli con cui è stata realizzata questa maschera. Per crackare un iPhone X in questo modo, in teoria, servirebbe una foto ad alta definizione del proprietario ed anche rubargli il dispositivo. Oltre ovviamente alle capacità di creare una maschera come quella che vedete nel video. Secondo Bkav comunque, questa tecnologia non è abbastanza sicura per essere usata nelle transazioni veramente importanti.

Michele Ingelido

Sono Michele Ingelido, un blogger che lavora nel settore tecnologico da anni. Da perito tecnico mi definisco non solo un incurabile fanatico della tecnologia, ma anche un profondo estimatore di tutto ciò che intelligentemente crea innovazione, specie se in modo anticonformista e controcorrente… Un po’ come il Rock ‘n Roll! E-mail for any request: info@tech4d.it