Google Chrome: nuove misure di sicurezza per bloccare i rendirizzamenti

Il colosso di Mountain View protegge i navigatori su Google Chrome con nuove misure di sicurezza per bloccare i rendirizzamenti: le modifiche saranno applicate in particolare sulle versioni 64 e 65 mentre saranno estese a tutti entro i primi mesi del 2018. Le nuove misure di sicurezza agiranno in particolare su tre fronti: in primo luogo verranno bloccati i redirect non richiesti verso altri siti provenienti da annunci su cui non si è cliccato.

In secondo luogo ad essere bloccati saranno invece i pop up che conducono ad annunci pubblicitari ed infine la terza azione di Google sarà analizzare i download o video fasulli che, sotto forma di pulsanti, reindirizzano invece a siti. Proprio per tenere sotto controllo e migliorare l’analisi dei siti che portano ad aprire delle finestre di reindirizzamento, Google ha lanciato uno strumento chiamato Abusive Experiences Report, per uniformare alle nuove norme tutti gli sviluppatori.

Qualora il loro operato non seguisse le regole dovranno mettersi in regola entro 30 giorni, prima di incorrere in penalità come il blocco dei rendirizzamenti verso altre pagine o schede.Con l’attivazione di queste nuove norme di protezione su Google Chrome e il monitoraggio dei siti poco attendibili Google renderà più sicura la navigazione degli utenti. Ora non ci resta che attendere il 2018 perchè le modifiche siano rese effettive.

Lia Placido

Magneticamente attratta da tutto ciò che è innovazione senza mezzi termini. Amo il nuovo, la scoperta, l'apparentemente inspiegabile.