Home » PC » Libre Computer Renegade, una nuova board sfiderà Raspberry Pi
libre computer renegade

Libre Computer Renegade, una nuova board sfiderà Raspberry Pi

di Roberta Betti

Una nuova board rivale del popolarissimo Raspberry Pi è all’orizzonte: il suo nome è Libre Computer Renegade, proviene dalla Cina ed a quanto pare ha a disposizione una dotazione hardware in grado di far sembrare obsoleti alcuni aspetti di Pi. La compatta e futuristica single-board, creata da Libre Computer, è al momento presente sul portale di crowdfounding IndieGogo come progetto in fase di realizzazione, che raggiungerà in breve tempo la quota fondi necessaria per iniziare la distribuzione.

Libre Computer Renegade ha a tutti gli effetti potenzialità indiscusse: la sua scheda tecnica mostra al cuore del sistema un chipset Rockchip RK3328 4-core costituito da core Cortex A53, abbinato ad una GPU ARM Mali-450MP2; non mancano inoltre 2 porte USB 2.0 Type A e una porta USB 3.0 Type A per una migliore connettività fisica. Il punto forte della board è costituito dalla presenza di 4 GB di RAM DDR4 (che si dovrebbero rivelare più efficienti della DDR2 in dotazione a Raspberry Pi 3), e connessione Gigabit Ethernet.

Per quanto riguarda il lato software, Libre Computer Renegade vede di buon occhio l’open source: sia Ubuntu 16.04 che Android 7.1 Nougat sono ampiamente supportati. La board è inoltre già stata testata ed ha un design ben definito, questo permetterà a Libre Computer di spedirne i primi esemplari già a partire da Gennaio 2018. Renegade, infine, sarà compatibile con software media center, piattaforme di gaming e computing a livello desktop, per offrire ai maker un margine più ampio di creatività.

I confronti con Raspberry Pi non mancheranno, ovviamente: per questo ci aspettiamo entro poco più di un mese i primi feedback dell’ampia community di utenti che ha scelto le single-board per creare i propri ambienti operativi hardware.

via

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti