Home » Software » Criptovalute in picchiata come mai prima d’ora dopo il No della Cina
bitcoin

Criptovalute in picchiata come mai prima d’ora dopo il No della Cina

di Roberto Naccarella

La Cina dice no alle criptovalute. Pechino ha infatti deciso di vietare agli istituti finanziari e alle società di pagamento di accettare transazioni in criptovaluta e anche di concedere servizi che consentano la conversione delle valute fiat in monete digitali. Una decisione presa in seguito all’andamento molto squilibrato delle criptovalute, con prezzi facilmente manipolabili e con contratti di trading che non riescono ad essere tutelati dalle leggi in vigore in Cina.

I fatti degli ultimi tempi hanno senza dubbio influito pesantemente sulla scelta di Pechino. Come noto, il Bitcoin ha perso circa il 10% del suo valore, mentre altre criptovalute sono scese con una percentuale ancora maggiore (la perdita di Dogecoin è del 18%, ndr). Per il Bitcoin, la causa del crollo è dovuta alle dichiarazioni di Elon Musk, che ha fatto sapere che Tesla non avrebbe più accettato pagamenti crypto per salvaguardia nei confronti dell’ambiente: frasi che hanno fatto scendere anche il patrimonio del multimiliardario (-24%).

Non è la prima volta che la Cina assume una posizione contraria alle criptovalute, sebbene non sia mai arrivata a vietarne il possesso. Era accaduto anche nel 2017, quando Pechino bloccò gli scambi locali in bitcoin, e nel 2019, quando gli scambi in crypto nazionale ed estera vennero stoppati dalla Banca Popolare Cinese.

Dopo la decisione della Cina, tutte le criptovalute sono scese a picco come mai prima d’ora. I Bitcoin hanno accusato una perdita superiore al 30% bruciando 500 miliardi di capitalizzazione di mercato in un colpo solo. Adesso la crypto di punta è scesa ai minimi di oltre 3 mesi, con una discesa del 50% rispetto al picco di 65.000 dollari raggiunto ad Aprile.

Scende bruscamente anche Ethereum, che ha toccato un fondo inferiore ai 2.000 dollari con una perdita di oltre il 40%. Naturalmente anche gli altri altcoin hanno avuto la stessa sorte. Stiamo per entrare in bear market? Presto per dirlo, ma è difficile che si raggiungeranno di nuovo i picchi degli ultimi mesi in tempi brevi. Un andamento, quello del mercato crypto, che spingerà gran parte dell’enorme flusso di persone entrate nel mercato di recente a puntare su altre forme di investimento.

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti