Home » Gadget » Sony LinkBuds: arrivano i primi auricolari col buco (e un nome decente)
sony linkbuds

Sony LinkBuds: arrivano i primi auricolari col buco (e un nome decente)

di Roberto Naccarella

Parafrasando un noto proverbio, si potrebbe dire che non tutti gli auricolari riescono con il buco, tranne quelli di Sony. Il gigante nipponico ha appena lanciato questa interessantissima novità, che prende il nome di Sony LinkBuds. Siamo di fronte a delle cuffie true wireless con un formato assolutamente inedito: gli auricolari, infatti, presentano un ‘buco’, dato dal driver proprietario ad anello realizzato proprio dalla società asiatica.

Ma perché questa mossa estetica? L’obiettivo è quello di fare in modo che l’utente possa evitare di isolarsi troppo dal mondo reale, restando sempre in ascolto di ciò che gli succede intorno anche mentre ascolta la musica. La multinazionale ha aggiunto molte innovazioni interessanti in questi LinkBuds, tra cui il controllo automatico del volume (che si alza automaticamente quando l’ambiente che ci circonda è troppo rumoroso) ma anche un apprezzabile sistema di controlli in grado di percepire le vibrazioni. Ciò vuol dire che si può interagire con le cuffie anche tappando in prossimità di esse: sull’orecchio, ad esempio, o sulla guancia se in un punto abbastanza vicino alle cuffie.

Chiaramente, l’azienda ha lavorato con successo anche in chiave hardware, alimentando i LinkBuds con il processore audio Sony V1 che abbiamo avuto modo di vedere già sugli ottimi WF-1000XM4. In più, i nuovi auricolari supportano la tecnologia DSEE, possono contare sul Bluetooth 5.2 e assicurano il supporto a diversi codec, ovvero AAC, SBC e LDAC. A differenza degli altri suoi auricolari (e di gran parte dei suoi prodotti), finalmente il colosso nipponico ha scelto un nome che si può ricordare invece che un semplice “codice alfanumerico”. Venendo al prezzo, i LinkBuds di Sony sono in vendita a 180 euro, anche in Italia e su Amazon.

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.


Non vuoi più perderti le notizie hi-tech? Seguici su Google News cliccando la stellina!

Potrebbe anche interessarti