Home » Guide » Guide Android » I migliori smartphone Xiaomi del 2020
smartphone xiaomi

I migliori smartphone Xiaomi del 2020

di Michele Ingelido Aggiornato il
Aggiornato il

Quando si parla di telefoni cellulari e il discorso si sposta sugli smartphone Android cinesi, sappiamo tutti che possiamo trovare per questi smartphone prezzi estremamente bassi rispetto ai migliori dispositivi Samsung, iPhone e l’altra concorrenza. Xiaomi è questo, ma anche molto di più. Si tratta di una casa produttrice cinese che con Huawei svetta sopra tutte ed ha minacciato i migliori brand più veterani. Oltre ad offrire terminali degni delle migliori offerte smartphone ha portato addirittura una grande innovazione sul campo della telefonia mobile.

Nati come smartphone economici, adesso i device di questa casa produttrice sono al centro delle opinioni e sono tra i più gettonati, sia quelli a poco prezzo che i top di gamma come Mi5 e Mi Note 2. Gli smartphone Xiaomi, che siano della serie Mi, Redmi, Pro, Max o Redmi Note, non li trovate sugli scaffali di store come Mediaworld e Euronics, e spesso nemmeno negli shop online in Italia come Amazon.

Si possono comprare perlopiù sui negozi cinesi online, quindi se da una parte il prezzo è irrisorio, non è però una passeggiata averli. Vi informiamo inoltre che non tutti i device di questa azienda hanno una ROM globale: molti sono stati pensati per il mercato cinese. Per risolvere ciò bisogna essere utenti consapevoli, e quindi essere in grado di flashare una custom ROM.

Ci sono tantissime guide online ed anche tantissimi firmware data la enorme community che ruota attorno a questo produttore, più che capacità quindi ci vuole pazienza e passione smartpper installare un software. Una volta che si ha tra le mani un dispositivo mobile di questa azienda con la sua MIUI basata su Android, si può dire però di aver fatto un vero affare e di avere un terminale tra i più validi in assoluto sulla sua fascia di prezzo.

Ma qual è il miglior smartphone cinese di questa casa produttrice? Qual è il best buy e quale il migliore smartphone top di gamma che si può trovare sulla piazza? Dopo avervi proposto la top 5 migliori smartphone resistenti all’acqua, urti e cadute e la top 5 migliori smartphone Android economici sotto i 100 euro, dalla Cina con furore di seguito potete trovare i migliori smartphone Xiaomi del 2020.

Usa i seguenti collegamenti per spostarti direttamente alla sezione che ti interessa:

Migliori smartphone Xiaomi economici

Migliori smartphone Xiaomi top di gamma

Smartphone Xiaomi economici

Redmi 8A

xiaomi redmi 8a

Se avete intenzione di acquistare un nuovo cellulare ma volete spendere intorno ai 100 euro, questo smartphone Xiaomi è uno dei pochissimi telefoni validi che potete scegliere. Il Redmi 8A non brilla particolarmente se parliamo di design, specialmente a causa della sua scocca in plastica e delle vistose cornici attorno al display. In compenso però ha un’ottima qualità costruttiva ed è resistente agli schizzi d’acqua.

Si tratta di un dispositivo eccezionale anche quando si parla di autonomia, perchè la sua batteria da 5000 mAh e i bassi consumi di display e processore lo fanno arrivare a oltre due giorni di utilizzo praticamente sempre. Una batteria così grande su un entry-level è una vera e propria miniera d’oro.

Non c’è male per quanto riguarda l’hardware, finalmente l’azienda è passata a un processore più potente rispetto ai predecessori: uno Snapdragon 439 octa-core che si abbina a una RAM fino a 4 GB e ad una memoria fino a 64 GB. Perciò discreto, abbastanza performante, sicuramente non c’è di meglio in Italia, nè tra gli smartphone Xiaomi nè della concorrenza, ad un prezzo simile. Interessante anche il fatto che sia molto compatto grazie al suo display da 6,2 pollici che però mantiene comunque una risoluzione HD+.

Più che sufficiente, anzi, abbastanza notevole per la fascia, anche la fotocamera posteriore da 12 Megapixel che si difende bene in ogni scenario con un discreto dettaglio: resa ottima per trattarsi di un semplice dispositivo low-cost. Ovviamente non troverete nulla di eccellente nè di fascia alta, ma il dispositivo si dimostra valido sotto tutti gli aspetti per qualsiasi utente base.

Ecco il link per acquistarlo direttamente da Amazon:

Mi A3

xiaomi mi a3 design

Il Mi A3 è l’ultimo arrivato dell’unica serie di smartphone Xiaomi con a bordo il sistema operativo Android One. Non abbiamo quindi la MIUI nè le sue personalizzazioni o pubblicità, ma un’interfaccia utente stock, come l’ha creata Google e con aggiornamenti più veloci e costanti direttamente dal colosso di Mountain View. Per diversi anni riceverete velocemente le patch di sicurezza e le nuove versioni di Android acquistando questo terminale.

Un altro suo vantaggio è la compattezza unita ad un design da urlo: ha infatti una scocca in vetro ed un profilo in metallo proprio come i veri top di gamma, nonchè delle dimensioni contenute e delle cornici sottili intorno allo schermo. Passando proprio al display, si tratta di un ottimo pannello AMOLED da 6,01 pollici (facile da usare con una mano) con colori brillanti e lettore di impronte integrato, tuttavia dobbiamo segnalarvi che la risoluzione è solo HD+, quindi il livello di definizione non è altissimo.

Trattandosi però di un pannello compatto ai più la differenza non sarà notevole. Per di più questo gioca a favore dell’autonomia, che con la batteria da 4030 mAh raggiunge tranquillamente a 2 giorni con un uso non troppo stressato, il che è eccellente. Altro punto di forza se consideriamo il prezzo contenuto sono le performance per via dell’ottimo processore Snapdragon 665 di Qualcomm, molto efficiente e costante nel tempo, sempre veloce e adatto a ogni tipo di utilizzo. La RAM ammonta a 4 GB, la memoria interna arriva fino a 128 GB.

Con la grande ottimizzazione di Android One, la fluidità regna sovrana. A bordo troviamo un jack audio, una micro SD e perfino una fotocamera per niente male. Si tratta di un triplo sensore da 48, 8 e 5 MP con obiettivo grandangolare e supporto al 4K per i video. Il dettaglio catturato è notevole quando c’è luce, anche se non si tratta di un camera phone tra i più quotati, ma del resto per quello che costa non poteva essere possibile.

Vi lasciamo il link per acquistarlo direttamente da Amazon:

Redmi Note 8

xiaomi redmi note 8t

Il vero e proprio best-seller dell’anno e non solo tra gli smartphone Xiaomi. Redmi Note 8 si può trovare a soli 150 euro grazie agli street price online, eppure si tratta di un midrange perfetto a cui manca davvero poco sotto tutti gli aspetti. E’ veramente molto prestante grazie al suo processore Snapdragon 665 e alle configurazioni di memoria che vanno fino a 6/128 GB. Può far girare qualsiasi app in modo fluido e farvi giocare sufficientemente a qualsiasi gioco con un frame rate mai deludente. Eppure costa pochissimo.

Ha un buon display da 6,3 pollici, nè troppo piccolo nè tanto meno ingombrante, con tanto di risoluzione Full HD+ che assicura una ottima definizione. Nemmeno le fotocamere deludono, no affatto. Sul retro troviamo un quadruplo obiettivo da 48, 8, 2 e 2 MP, il primo dei quali pur essendo di fascia media riesce a catturare immagini molto dettagliate, con un buon bilanciamento dei colori e un buon effetto bokeh. I sensori aggiuntivi portano il grandangolo e migliorano gli scatti ravvicinati.

Lo smartphone può anche registrare video in 4K a 30 fps. Notevole la batteria da 4000 mAh che vi fornirà due giornate di autonomia con una singola carica anche se lo stressate non poco. Anche se sono usciti diversi modelli dopo di lui, questo smartphone Xiaomi è ancora un best-buy per chi punta al massimo risparmio ma vuole comunque un telefono adatto a degli utilizzi non base. E’ perfino costruito bene grazie alla sua scocca in vetro assemblata in modo molto soddisfacente e dalle colorazioni a sfumatura.

Ecco il link per acquistarlo tramite Amazon:

Mi 9T

Redmi K20 Pro

Il Mi 9T è una variante più economica dello smartphone Xiaomi top di gamma Mi 9, ma non è considerabile tale in tutto ed è un eccezionale dispositivo di fascia medio-alta che induce molti a rinunciare al top di gamma dell’azienda per via delle sue caratteristiche estremamente ben bilanciate. Rispetto al Mi 9 ha un processore meno potente: lo Snapdragon 730, che è però comunque il miglior processore di fascia media di Qualcomm e esegue qualsiasi app o gioco egregiamente. Accoppiato con una RAM da 6 GB poi, ha ben pochi limiti.

A differenza del Mi 9 offre anche una batteria molto voluminosa: ben 4000 mAh con ricarica rapida, in grado di durare tranquillamente due giorni anche con un uso moderato-intenso. Migliora rispetto il Mi 9 perfino il design, che consiste in una scocca in vetro, un profilo in alluminio e un display full borderless senza notch. A bordo troviamo infatti una fotocamera pop-up che elimina la necessità della tacca sul display. A proposito dello schermo, per essere un midrange è oltre ogni aspettativa: un pannello da 6,39 pollici AMOLED con tanto di HDR per una gamma cromatica davvero ottima, e una risoluzione Full HD+.

Nemmeno il comparto fotografico ha nulla da invidiare al Mi 9 con una tripla fotocamera di fascia alta da 48, 13 e 8 MP, che include sensore grandangolare e zoom ottico 2x. Non la miglior fotocamera in assoluto, ma comunque di fascia alta per dettaglio catturato e per riproduzione dei colori. Un midrange che è quasi un top di gamma, venduto però a un prezzo che resta di fascia media.

Vi lasciamo il link per acquistarlo direttamente da Amazon:

Pocophone F1

smartphone xiaomi pocophone

Avete mai sognato di avere un telefono con le prestazioni dei più potenti top di gamma ad un prezzo di fascia media? Ebbene, adesso i vostri sogni sono realtà. Con Xiaomi Pocophone F1 avrete il più potente comparto hardware del 2018, composto dal processore Qualcomm Snapdragon 845 e fino a 8 GB di RAM, a un prezzo in cui di solito si possono acquistare solo dispositivi midrange con processori Snapdragon serie 600.

Un dispositivo perfetto per i videogiochi più pesanti, per lavorare e per fare praticamente qualsiasi cosa. Ma perchè costa così poco? Semplice: perchè l’estetica è composta da materiali inferiori perfino ai dispositivi di fascia medio-bassa, e perchè tutte le altre caratteristiche ad esclusione del display e della batteria da 4000 mAh che dura davvero tantissimo (si parla di un giorno anche a uso stressato), sono di fascia media.

Lo schermo è un classico IPS da 6,2 pollici Full HD+, riproduzione dei colori e dettaglio nella media. La fotocamera è anche sotto la norma per un midrange, nulla di speciale, se ne trovano di simili anche a 200 euro. Ma in compenso avrete le performance più scattanti a un prezzo ridicolo, e se di fotocamera ed estetica non vi interessa nulla, avete fatto un vero affare.

Redmi Note 8 Pro

xiaomi redmi note 8 pro

Il Redmi Note 8 Pro è uno smartphone così potente per la sua fascia di prezzo che è stato definito un gaming phone economico. A bordo ha un eccellente processore Helio G90T di MediaTek che sui benchmark riesce a superare perfino Snapdragon 730G, sebbene non in efficienza energetica. Come prestazioni sia della CPU che della GPU è secondo solamente ai processori della serie Snapdragon 8xx se prendiamo Qualcomm come metro di paragone.

Oltre a essere uno smartphone velocissimo e super prestante anche con le app pesanti è anche un ottimo camera phone. Ha una quadrupla fotocamera da 64 Megapixel con sensore grandangolare, fotocamera macro e sensore di profondità che si difende egregiamente in ogni situazione pur non trattandosi di un comparto fotografico da top di gamma.

Nota negativa è il display IPS (che porta il lettore di impronte sul posteriore), ma con la tecnologia HDR e l’alta luminosità è sempre ben visibile e ha un’ottima resa cromatica. Il processore Helio G90T non consuma poco per via del processo produttivo a 12 nm, ma la batteria da ben 4500 mAh compensa il danno garantendo comunque una giornata intensa di autonomia.

La memoria UFS 2.1 è velocissima e la RAM base è di ben 6 GB, per cui è un telefono ottimo anche per il multi-tasking. Anche se molti non si fidano di MediaTek, se volete grandi performance vi consigliamo di dare una chance a questo device in quanto è equipaggiato con un processore di fascia alta ed è venduto ad un prezzo di fascia media.

Smartphone Xiaomi top di gamma

Black Shark 2 Pro

xiaomi black shark 2 pro

Avrete sicuramente notato il nome differente di questo smartphone Xiaomi rispetto al resto della line-up: si chiama così perchè è stato lanciato da una società (controllata da Xiaomi) che produce smartphone da gaming. Si tratta quindi di un dispositivo pensato proprio per i videogiocatori, e per questo motivo è uno dei più performanti in assoluto.

Insieme al ROG Phone 2 di Asus, è il primo smartphone al mondo a montare il processore Snapdragon 855 Plus: una versione overclockata dello Snapdragon 855 che ha alimentato la maggioranza dei top di gamma 2019, con prestazioni grafiche migliorate del 15%. E qui non si parla solo di processore: sotto il telaio di Black Shark 2 Pro abbiamo anche una  RAM fino a ben 12 GB e una memoria UFS 3.0, perciò ci sono pochissimi rivali al mondo in termini di fluidità, prestazioni nel multi-tasking e potenza.

Il dispositivo ha anche un elaborato e aggressivo design con strisce LED e possibilità di collegare accessori esterni, nonchè un sistema di raffreddamento tra i migliori al mondo per garantire lunghissime sessioni di gioco. Ad assicurare un gameplay perfetto troviamo anche un display AMOLED con touch sensing a 240 Hz e copertura DCI-P3 al 100%: quindi colori riprodotti in modo eccelso e anche altissima reattività al tocco.

E con i suoi 4000 mAh e la ricarica rapida a 27W, anche la batteria non deluderà praticamente nessuno garantendo svariate ore di gioco anche al massimo del carico. Unico dettaglio sotto tono è la fotocamera: un sensore doppio da 48 e 12 MP con zoom ottico, che si ferma alla  fascia media o poco più. Ma in compenso alla fine il prezzo sarà tutt’altro che alto.

Mi Mix 3 e 3 5G

smartphone xiaomi mi mix 3

Ecco lo smartphone che merita il primo premio per l’originalità in casa Xiaomi, un outsider, nonchè il device che si può definire tra gli smartphone più innovativi dell’ultimo anno. Il suo predecessore che ha dato il via alla serie Mi Mix è riuscito a portare una ventata di aria fresca in un mercato della telefonia mobile in profondo ristagno, facendo letteralmente tremare la concorrenza e lasciandole modo solo di prendere spunto.

Questo device è caratterizzato da una estetica unica, con un display completamente senza bordi che occupa quasi tutto il pannello frontale. Questo grazie ad un design a scorrimento che include uno slider estraibile su cui sono posizionate fotocamere frontali e sensori. E’ praticamente un concept che è andato in commercio.

Questo speciale tipo di design rende possibile anche la presenza di un display enorme: lo schermo è da 6,39 pollici, eppure lo smartphone ha delle dimensioni inferiori a quelle di un iPhone 8 Plus che è invece da 5,5 pollici. Lo spettacolare schermo ha una risoluzione oltre il Full HD con 2160 x 1080 pixel, ha il formato 18:9, colori vividi e realistici grazie alle tecnologie HDR e Super AMOLED, luminosità e angoli di visione soddisfacenti.

C’è anche un lettore di impronte digitali integrato nel display. La scocca è fatta in ceramica, quindi come design siamo al massimo della bellezza, raffinatezza e originalità; il frame è in metallo. Sotto il telaio non manca il potentissimo processore quad core Qualcomm Snapdragon 845 da 2,35 Ghz, supportato da 6, 8 o addirittura 10 GB di RAM (uno dei primi smartphone ad avere ben 10 GB) e 128 o addirittura 256 GB di storage.

Scontato dire che come performance è uno dei migliori smartphone sul mercato e non ha problemi con decine di app aperte e tutti gli altri utilizzi. La doppia fotocamera da 12 Megapixel posteriore è anch’essa tra le migliori e riesce a scattare con un dettaglio inaudito in ogni scenario, con una messa a fuoco perfetta e una stabilizzazione ottima grazie all’OIS.

Perfino la fotocamera frontale, un doppio sensore da 24 e 2 Megapixel, è da fuori classe. Solo la batteria è nella media anche se con 3200 mAh termina la serata in gran parte degli scenari. Vi segnaliamo anche il Mi Mix 3 5G, una versione potenziata del top di gamma con il supporto alle nuove reti 5G che arriveranno in tutta Italia nei prossimi anni. Le differenze rispetto al modello originario sono le seguenti:

  • Processore: invece dello Snapdragon 845 abbiamo il più potente Snapdragon 855 che migliora le prestazioni considerevolmente.
  • Modem 5G: lo Snapdragon X50, che va ad abilitare il supporto alle reti 5G e può lavorare insieme allo Snapdragon X24 (che si occupa del 4G) integrato nel chipset.
  • Batteria: la capacità della batteria è maggiore, abbiamo 3800 mAh in confronto ai soli 3200 mAh della versione normale. 
  • Prezzo: ovviamente la variante 5G costa di più, si parla di 599 euro di listino.

Mi Note 10

xiaomi mi cc9 pro design retro

Il Mi Note 10 è il vero camera phone di Xiaomi. Considerato da molti il miglior smartphone per fotocamera rilasciato nel 2019 insieme a pochissimi altri, questo terminale offre delle performance fotografiche strabilianti pur avendo un prezzo veramente molto abbordabile, inferiore ai soli 500 euro grazie agli street price online.

Il suo segreto è la presenza di una quintupla fotocamera posteriore, la prima ad arrivare in Italia con un sensore da ben 108 Megapixel sviluppato da Samsung e Xiaomi. Ad una luminosa apertura f/1.7 si accompagnano la stabilizzazione ottica, due teleobiettivi da 12 e 5 MP con zoom ottico fino a 5x, una lente grandangolare da 20 MP e un sensore macro da 2 MP. Il tutto per foto pazzesche in qualsiasi condizione, incluse le foto in notturna.

Lo smartphone è in grado anche di registrare video in super slow motion a 960 fps ed è dotato di un flash LED quadruplo. Se volete uno smartphone Xiaomi che abbia la migliore fotocamera, non esiste altro. Oltre al comparto fotografico di prim’ordine troviamo anche una batteria mastodontica da 5260 mAh che fornisce 3 giorni di autonomia a uso moderato e si ricarica in 65 minuti grazie alla ricarica rapida a 30W.

A bordo c’è anche un ottimo display AMOLED da 6,47 pollici con supporto HDR e un processore di fascia medio-alta Snapdragon 730G adatto ai giochi e agli utilizzi impegnati, supportato da 6 GB di RAM e una memoria da 128 GB. Ciliegina sulla torta è un elegante design con schermo curvo e qualità costruttiva premium, caratterizzato dall’impiego di materiali quali vetro e metallo e da un solido assemblaggio.

Mi 9T Pro

Redmi K20 Pro

Anche noto in Cina come Redmi K20 Pro, il Mi 9T Pro è uno smartphone Xiaomi top di gamma che non ha quasi nessun punto debole. Eppure viene venduto a un prezzo così concorrenziale che è difficile che un intenditore se lo lasci scappare. Lo potete tranquillamente trovare in giro sotto ai 350 euro, eppure ha un arsenale hardware che non ha praticamente nulla da invidiare anche a top di gamma che nei negozi costano il triplo.

Esso è formato da un processore Snapdragon 855 che rappresenta una delle scelte top di Qualcomm, un quantitativo minimo di RAM che ammonta a 6 GB e una memoria che parte da 64 GB. Dovrebbero decisamente sceglierlo tutti i videogiocatori e quelli che di solito stressano di più il proprio cellulare.

Ed è ancor più indicato per queste tipologie di utenti se si considera la capiente batteria da 4000 mAh con ricarica rapida a 27W che la giornata riesce a superarla praticamente sempre. A grandi prestazioni si accompagna un gran bel design con un display borderless e una futuristica fotocamera pop-up che spunta dalla parte superiore. C’è anche un retro in vetro con stupendi effetti cangianti e un frame in alluminio.

Anche lato display siamo messi davvero benissimo, con un pannello da 6,39 pollici Full HD+ che grazie alle tecnologie Super AMOLED e HDR ha colori vibranti e realistici. Unico dettaglio veramente sottotono rispetto ai top di gamma più costosi di questo smartphone Xiaomi è il lato fotografico, che sebbene di fascia alta con il suo triplo sensore da 48, 8 e 13 MP, manca di stabilizzazione ottica e mantiene le performance solo molto oltre la sufficienza ma senza eccellere.

Ecco il link per acquistarlo tramite Amazon: 

Vantaggi degli smartphone Xiaomi: prezzi e componenti

Cosa c’è di positivo nell’acquisto degli smartphone Android cinesi di questa casa produttrice? Perchè molti intenditori e smanettoni preferiscono gli smartphone Xiaomi anzichè i dispositivi più famosi in Italia come i Samsung Galaxy e gli Apple iPhone? Di seguito trovate tutti i vantaggi che derivano dal comprare un dispositivo di questa marca, che è estremamente interessante ma allo stesso tempo non è per tutti.

  • Prezzi: gli smartphone Xiaomi sono economici, costano davvero molto poco se li confrontiamo con gran parte della concorrenza. Ma allo stesso tempo non sono affatto dispositivi scadenti: il rapporto qualità prezzo è proprio il principale punto di forza degli smartphone Xiaomi. Attualmente si possono trovare i migliori smartphone di questa casa produttrice anche sotto i 500 euro, mentre quelli di fascia bassa arrivano a costare sotto i 100 euro nonostante offrano caratteristiche di tutto rispetto. L’italiano punta spesso al risparmio quando si tratta di tecnologia, a fare l’affare, ed ecco perchè molti li scelgono.
  • Hardware: a dei prezzi estremamente concorrenziali negli smartphone Xiaomi si abbinano componenti hardware di prima qualità e ottimizzati davvero egregiamente. Gli smartphone Xiaomi contengono la maggior parte delle volte processori della serie Qualcomm Snapdragon, che sono i più gettonati nel mercato Android. E i SoC in questione si trovano su dispositivi che costano considerevolmente di meno rispetto a quelli delle marche più famose con gli stessi processori. Inoltre, si possono trovare su tutte le fasce di prezzi quantitativi sempre ottimi di memoria RAM, ed un’ottimizzazione software che minimizza i rallentamenti portando al top le prestazioni.
  • Batteria: l’autonomia è un altro punto forte di questi dispositivi. Quasi tutti gli smartphone Xiaomi hanno batterie al litio più grandi della norma, e la loro durata è sempre soddisfacente. L’azienda è solita inserire batterie molto capienti specie nei dispositivi economici, che equipaggia con processori dai bassi consumi energetici ottenendo un’autonomia spettacolare.

Svantaggi: garanzia e software

Se da un lato ci sono importantissimi vantaggi nell’acquisto di questi terminali, se siete dei profani del mondo della tecnologia e sperate di fare l’acquisto perfetto prendendo uno smartphone Xiaomi, potreste sbagliarvi.

Ci sembra giusto quindi spiegarvi gli svantaggi e i rischi verso cui andate incontro se decidete di acquistare uno smartphone Xiaomi, che non correreste se vi affidereste alle marche più famose in commercio in Italia.

  • Garanzia e disponibilità: purtroppo Xiaomi è una casa produttrice cinese che non è ancora arrivata in pianta stabile in Italia, e non si sa per certo quando ciò accadrà. Solamente pochissimi smartphone Xiaomi sono disponibili all’acquisto in Italia con garanzia Italia, ed hanno prezzi molto più alti di quanto costano in Cina. Poi ci sono negozi italiani che vendono device in Italia, ma senza garanzia del produttore e anche in questo caso con prezzi più alti. Ciò vuol dire che la convenienza massima sta nell’importare gli smartphone Xiaomi dalla Cina, tramite negozi online come GearBest. Tuttavia facendo ciò, anche se si possono evitare i dazi doganali, c’è una garanzia è più problematica: in caso di problemi dovreste spedire il dispositivo in Cina a vostre spese e attendere la riparazione.
  • Software: alcuni smartphone Xiaomi potrebbero arrivare con una ROM (ossia un firmware, che nel caso di questi dispositivi si chiama MIUI) destinato al mercato cinese, e senza app di Google (solitamente questo è menzionato nell’inserzione). Altri invece potrebbero arrivarvi a casa con una ROM farlocca, quindi non originale e che presenta alcuni problemi. In entrambi questi casi avrete bisogno di cambiare ROM, e se siete inesperti potreste incontrare qualche difficoltà. Solitamente nulla che non si possa imparare con un tutorial online (e ce ne sono tanti), ma dovrete comunque perderci un po’ di tempo, in nome del risparmio. Tenete conto però che se acquistate degli smartphone Xiaomi appena usciti potreste non trovare il tutorial per cambiare ROM, o potrebbe non essere ancora stata rilasciata la ROM destinata al mercato Globale, per cui potreste aver bisogno di attendere un po’.

Come riconoscerli: le serie

Gli smartphone Xiaomi sono tutti identificati da dei nomi che appartengono a determinate serie. Ogni serie contiene una determinata tipologia di smartphone Xiaomi: le serie le trovate qui sotto.

  • Mi + numero identificativo: es. Mi 5, Mi 6 e così via. E’ una serie che comprende smartphone top di gamma, ed è quella più iconica della casa produttrice. Gli smartphone Xiaomi appartenenti a questa serie sono sempre di fascia alta e, sebbene molto più convenienti dei top di gamma delle aziende più blasonate, non si trovano a prezzi bassi. A meno che non li si acquista dopo l’uscita delle nuove generazioni, come accade con tutti i terminali che svalutano, ovviamente.
  • Varianti della serie Mi: sono altre versioni della serie sopra citata, e vengono identificate da Mi + numero + lettera (es. Mi 5X). A volte sono smartphone economici (serie Mi c, Mi x, Mi A1), altre volte sono di fascia alta (Mi s). Sono quindi gli smartphone Xiaomi più imprevedibili, non si sa mai cosa aspettarsi.
  • Mi Note: è una serie di phablet, finora tutti di fascia alta.
  • Redmi: questa serie rappresenta gli smartphone Xiaomi economici, quelli che costano di meno.
  • Redmi Note: gli smartphone Xiaomi di questa serie sono tutti phablet economici di fascia media oppure bassa.
  • Mi Mix: è la serie più innovativa ed anche quella che contiene gli smartphone Xiaomi più potenti. Comprende dispositivi borderless, dal comparto hardware spettacolare e con un prezzo che seppur più alto di tutti gli altri dispositivi dell’azienda resta conveniente.

MIUI: differenza tra le ROM installate

La MIUI, ossia l’interfaccia utente degli smartphone Xiaomi basata ovviamente su Android, può essere di 3 tipi a seconda del terminale che si acquista.

  • MIUI China: la ROM destinata al mercato cinese. E’ sempre la prima ad uscire, contiene app cinesi che potrebbero essere inutili per noi, e non ha le applicazioni di Google come il Play Store che in Cina sono vietate. E’ quindi una ROM incompleta per il mercato italiano e va cambiata se si vogliono rendere gli smartphone Xiaomi pronti all’uso come gli altri dispositivi Android.
  • MIUI Global: è la versione finale e stabile della ROM dedicata al mercato globale, ed è quella più consigliata per coloro che non sono utenti consapevoli e per chi vuole uno smartphone Xiaomi pronto all’uso, con i servizi Google installati e senza necessità di difficoltose configurazioni.
  • Xiaomi.eu: sono delle custom ROM che vengono spesso usate provvisoriamente prima dell’uscita delle Global. Dei team sparsi per il mondo e specializzati in ambito MIUI si occupano di ripulire le ROM cinesi dalle app inutili, di installare i servizi Google e di aggiungere più lingue possibile per rendere gli smartphone Xiaomi facilmente utilizzabili in tutto il mondo.
  • Beta e Developer ROM: sono versioni non definitive delle ROM Global e China scaricabili da chi ha aderito al beta testing, che può provarle in anteprima per aiutare la casa produttrice a trovare bug e instabilità.

Classifica smartphone riepilogativa

  1. Xiaomi Mi 9
  2. Mi Mix 3
  3. Black Shark 2 Pro
  4. Mi 9T
  5. Pocophone F1
  6. Mi A3
  7. Redmi Note 7
  8. Redmi 7A

Per concludere, qui sopra trovate una top degli smartphone Xiaomi proposti in questa guida all’acquisto. Abbiamo stilato la classifica tenendo conto delle caratteristiche tecniche (quindi della fascia di appartenenza) e dei più attuali prezzi. Voi come la pensate a proposito di questi terminali?

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.

Potrebbe anche interessarti