Home » Guide » Guide Tech » Migliori smartphone pieghevoli del 2020: tutti i modelli ufficiali e in arrivo
smartphone pieghevoli

Migliori smartphone pieghevoli del 2020: tutti i modelli ufficiali e in arrivo

di Michele Ingelido Aggiornato il
Aggiornato il

Si possono usare due parole “magiche” per riassumere il mondo della tecnologia del 2019 e nel 2020 identificando le più grandi rivoluzioni: 5G e smartphone pieghevoli. Anche chiamati foldable, questi ultimi non sono solo una rivoluzione estetica, ma rappresentano un’evoluzione sostanziale dei telefoni cellulari. Un dispositivo pieghevole infatti permette all’utente di portare con sè un vero e proprio tablet dalle dimensioni di un telefonino.

Ciò grazie ad un display che si piega e che quando è aperto supera i 7 pollici di diagonale proprio come tablet Android e iPad. I primi produttori famosi che hanno lanciato cellulari pieghevoli sono stati Samsung con il Galaxy Fold e i cinesi di Huawei con il Mate X, e se il successo sarà quello sperato non passerà molto affinchè anche tutti gli altri produttori più importanti tra cui Apple e Xiaomi lanceranno uno smartfold.

Per via della crescente esigenza degli utenti di avere con sè schermi enormi per produttività, multimedia e navigazione web e il loro progressivo allontanamento dai dispositivi compatti, i foldable stanno già diventando un trend e i feedback del pubblico sono attualmente in crescita. Con la trasformazione da smartphone a tablet, un telefono che si piega offre la massima versatilità e Google lo ha già capito benissimo, tanto che ha supportato fin da subito i modelli con schermo flessibile tramite Android.

Insomma, lo schermo pieghevole, nonostante il suo prezzo attualmente molto alto, le sue dimensioni tutt’altro che piccole e in alcuni casi anche le difficoltà nell’utilizzo di una doppia o tripla fotocamera posteriore, ha tutte le carte in regola per dominare il mercato della telefonia. Ma passiamo ai fatti e andiamo a vedere quali sono i migliori smartphone pieghevoli attualmente ufficiali, e quali sono i nuovi smartphone in uscita con questo tipo di design!

Sommario

Migliori smartphone pieghevoli presentati

Samsung Galaxy Fold

smartphone pieghevoli samsung

Del primo smartphone pieghevole di Samsung se n’è parlato per anni e nel 2019 è finalmente diventato realtà. Il Galaxy Fold è un’innovazione incredibile ed ha creato una nuova categoria di dispositivi perfetta per gli utenti più avanzati. Il terminale può essere utilizzato come un semplice smartphone o come un tablet servendosi di due display differenti. Il primo, da 4,6 pollici, è posto sulla parte esterna, mentre lo schermo pieghevole è posizionato internamente e raggiunge una diagonale di ben 7,3 pollici quando è aperto.

Si tratta anche di un meraviglioso schermo 2K che ha il supporto alla tecnologia HDR10+ per una riproduzione dei colori eccezionale. E inoltre supporta un’avanzata modalità di multi-tasking per usare 3 app allo stesso tempo. Alimentato dal processore Snapdragon 855 che viene supportato da 8 GB di RAM, pochi dispositivi sono in grado di raggiungere la sua velocità e la sua potenza.

E’ perfetto per utilizzare applicazioni in quantità, come rimpiazzo di un tablet o anche per giocare. Ed ha anche ben 512 GB di memoria interna. Si tratta anche di uno dei migliori camera phone in assoluto, dato che ospita lo stesso comparto fotografico di Galaxy S10+. Quest’ultimo si compone di un obiettivo con apertura variabile da 12 MP che massimizza le prestazioni in ogni condizione di luce, di un sensore grandangolare da 16 MP e di un teleobiettivo da 12 MP per lo zoom ottico.

C’è anche la stabilizzazione ottica e una doppia fotocamera frontale da 10 e 8 MP che possiamo definire il top del settore e che registra anche video selfie in 4K. L’audio è molto potente grazie agli altoparlanti stereo AKG e la batteria è molto duratura con i suoi ben 4380 mAh di capacità divisi in due parti. Oltre a durare due giorni ad uso moderato, supporta anche la ricarica wireless inversa per fungere da power bank. Il dispositivo è stato già commercializzato in Italia ed ha un prezzo di 2.000 euro. Esiste anche una variante con connettività 5G, tuttavia quest’ultima non è arrivata nella penisola.

Huawei Mate X

smartphone pieghevoli huawei

Il diretto concorrente di Samsung Galaxy Fold è Huawei Mate X, che fa sempre parte della categoria degli smartphone pieghevoli ma sfrutta un altro concept. In questo caso non abbiamo due schermi separati, ma un solo display pieghevole che è posizionato sulla parte esterna del dispositivo e che si piega in due andando poi a formare due display separati, ma restando comunque un unico pannello.

Quando è aperto la diagonale è di ben 8 pollici con risoluzione 2K, mentre quando è piegato otteniamo uno schermo da smartphone con diagonale di 6,6 pollici. L’effetto wow è garantito dalle cornici sottilissime attorno allo schermo. Non c’è una fotocamera frontale, ma c’è una quadrupla fotocamera posteriore che può essere utilizzata anche per i selfie piegando il dispositivo.

Il setup è composto da un obiettivo principale da 40 Megapixel, uno secondario grandangolare da 16 MP, un teleobiettivo e un sensore TOF per la profondità. Il tutto per foto sicuramente d’eccellenza. In quanto all’hardware, abbiamo un processore Kirin 980 e una configurazione di memoria con 8 GB di RAM e 512 GB di storage interno espandibile.

Ovviamente un top di gamma a tutti gli effetti, veloce e sempre fluido, adatto ad essere usato con le applicazioni più pesanti, negli scenari più ardui e con i giochi. Anche se comunque lo Snapdragon 855 è una spanna sopra. Contraddistingue questo dispositivo un’enorme batteria da 4500 mAh che oltre a durare tantissimo si può ricaricare all’85% in soli 30 minuti grazie alla tecnologia proprietaria SuperCharge a 55W.

Questo dispositivo è anche uno smartphone 5G, grazie al modem Balong 5000 presente al suo interno che raggiunge velocità di connessione fino a 6,5 Gbps sfruttando le onde millimetriche. Purtroppo non è mai arrivato in Europa ed è disponibile solo sul mercato cinese.

Royole FlexPai

smartphone pieghevoli royole

Essendo Samsung e Huawei tra le aziende più importanti nel mondo degli smartphone, molti pensano che Galaxy Fold e Mate X siano stati i primi smartphone pieghevoli al mondo. In realtà a batterli sul tempo è arrivata un’azienda emergente: Royole con il suo FlexPai. Un dispositivo decisamente più ortodosso, ma anche più conveniente, almeno in Asia dove lo si può attualmente acquistare.

Tuttavia non ha nulla da invidiare alla concorrenza grazie all’arsenale hardware sempre di fascia top di gamma composto dal processore Snapdragon 855, 8 GB di RAM e 512 GB di memoria interna. Praticamente gli stessi componenti di Galaxy Fold, per cui le performance sono molto simili a quelle del dispositivo Samsung. Lo schermo invece è simile a quello di Mate X, posizionato esternamente, con una diagonale di 7,8 pollici quando aperto.

Anche in questo caso siamo di fronte a un pannello AMOLED, la cui risoluzione è di 1920 x 1440 pixel. La fotocamera è doppia, con risoluzioni di 16 e 20 Megapixel e stabilizzatore ottico, mentre la batteria è da 3800 mAh. Come comparto fotografico e batteria siamo a un livello inferiore rispetto a Galaxy Fold e Mate X, ma dato che probabilmente questo terminale non arriverà mai in Italia per molti non sarà importante. Stando alla casa produttrice, un aggiornamento software porterà anche la connettività 5G su questo dispositivo.

Motorola Razr 2019

motorola razr 2019

Anche Motorola ha debuttato nel mondo degli smartphone pieghevoli, ma lo ha fatto in un modo totalmente diverso. La casa alata controllata da Lenovo ha lanciato un revival dell’iconico Motorola Razr con cui l’azienda riscosse un successo globale all’epoca dei vecchi telefoni cellulari, anche noti come feature phone. Tuttavia questa volta non si tratta di quel vecchio cellulare a conchiglia anche se a prima vista potrebbe sembrare tale, ma è una rivoluzione estetica straordinaria.

Il Motorola Razr 2019 è un flip phone, ma al suo interno nasconde un display pieghevole che si piega in verticale. Quando aperto il display P-OLED ha le dimensioni di uno schermo di un normale smartphone, con 6,2 pollici di diagonale. Ciò permette al dispositivo, quando viene piegato, di avere dimensioni estremamente compatte, tanto da stare tranquillamente in un taschino.

Ciononostante è ancora possibile usare lo smartphone per le funzioni base grazie alla presenza di uno schermo esterno a colori da 2,7 pollici. Motorola Razr 2019 ha un prezzo più basso rispetto agli altri smartphone pieghevoli (di listino 1599€) non semplicemente perchè non si trasforma in un tablet, ma anche perchè ha un hardware di fascia media.

A bordo c’è infatti un processore di fascia media Snapdragon 710 abbinato a 6 GB di RAM e 128 GB di memoria interna. La fotocamera principale è un sensore da 16 MP f/1.7 che può essere utilizzato anche per i selfie grazie al display esterno, mentre sopra il display pieghevole troviamo un sensore aggiuntivo da 5 MP. Sulla scia del Razr, Samsung presenterà a Febbraio un altro foldable che dovrebbe chiamarsi Galaxy Z Flip ed avrà un design a conchiglia.

Microsoft Surface Duo

microsoft surface duo

Del Surface Phone se ne parla ormai da anni, da prima ancora che fallisse Windows Phone. Non è mai arrivato, ma in tantissimi ci hanno sperato fino all’ultimo momento. Nel 2019 il tanto atteso “Surface Phone” è arrivato, ma sotto un nome diverso, con un form factor che nessuno avrebbe mai immaginato e addirittura con Android.

Stiamo parlando di Microsoft Surface Duo, appartenente alla categoria degli smartphone pieghevoli. E’ stato annunciato nel 2019 ma sul mercato ci arriverà probabilmente nella seconda metà del 2020. Non sono nemmeno state svelate tutte le sue specifiche.

Lo smartphone pieghevole non ha un display pieghevole, ma è dotato di un doppio schermo che si può ruotare a 360 gradi. I due display hanno una diagonale di 5,6 pollici l’uno ed uniti raggiungono 8,3 pollici. Vanta perfino il supporto al pennino con digitalizzatore, finora una caratteristica esclusiva dei Samsung Galaxy Note e del vecchio Huawei Mate 20 X. Servendosi del doppio display, lo smartphone permetterà l’uso di due app in contemporanea senza dividere il display in più parti.

Tempo fa il CEO Satya Nadella dichiarò che semmai Microsoft dovesse tornare nel mondo degli smartphone, lo farà con un dispositivo diverso dai cellulari che conosciamo, qualcosa che non si è mai visto prima. Ad alcuni anni da quelle affermazioni abbiamo finalmente trovato riscontro.

Smartphone pieghevoli in arrivo

E’ ancora presto per valutare il successo degli smartphone pieghevoli, ma il loro enorme impatto mediatico insieme all’attenzione del pubblico che hanno catalizzato questi dispositivi hanno portato molte aziende a lavorare su questo tipo di dispositivo.

Perciò preparatevi, perchè potreste vedere presto diversi altri smartphone pieghevoli sul mercato. Di seguito, elenchiamo tutte le aziende che sono al lavoro (o che si vocifera lo siano) su dei dispositivi mobili con display pieghevole, nonchè gli eventuali modelli che ci si aspetta rilasceranno.

N.B. le immagini di smartphone pieghevoli con display flessibile mostrate di seguito sono solo concept o provengono da leak e brevetti, ma non si tratta di nulla di ufficiale.

LG

smartphone pieghevoli lg
LG V50 ThinQ

Secondo le insistenti indiscrezioni degli ultimi mesi LG avrebbe dovuto debuttare nel mercato degli smartphone pieghevoli già dalla prima metà del 2019,  ma a quanto pare, nonostante si vociferava da tempo stia lavorando alacremente a un dispositivo di questo tipo, i rumor potrebbero essere stati fuorvianti. Secondo un brevetto depositato al WIPO (World Intellectual Property Organization), il design di questo dispositivo è simile a quello di Huawei Mate X, quindi con il display pieghevole all’esterno.

Grazie alla presenza di due jack audio permetterebbe anche a due persone di guardare due schermi uno opposto all’altro mentre il terminale è piegato parzialmente. Inoltre, nella parte interna sembra esserci un altro schermo che trasforma lo smartphone in una sorta di notebook mentre è parzialmente piegato. Attualmente il dispositivo che più si avvicina agli smartphone pieghevoli rilasciato da LG è il V50 ThinQ che grazie a un accessorio aggiuntivo guadagna un secondo schermo e diventa un dispositivo che si può piegare. Successivamente al V50 ThinQ è arrivato anche un altro dispositivo con doppio display, commercializzato poi anche in Italia: LG G8X ThinQ.

Xiaomi

smartphone pieghevoli xiaomi

Non c’è ancora niente di ufficiale, ma sono ormai molti i leak e le indiscrezioni che hanno suggerito che il prossimo Xiaomi Mi Mix di quarta generazione rientrerà nella categoria degli smartphone pieghevoli. Alcuni invece pensano che si chiamerà Mi Flex. Pare che il dispositivo si potrà piegare in 3 e quindi avrà piegature in ben due punti invece che in uno, un po’ come un volantino a più facce.

Ciò consentirebbe la presenza di uno schermo molto grande su un terminale che quando è piegato è davvero molto compatto. Purtroppo però Xiaomi non si è pronunciata sulla data di uscita e per ora siamo ancora in balia delle speculazioni. A distanza di un anno da queste indiscrezioni non c’è ancora traccia di un terminale di questo tipo, tuttavia la casa produttrice ha lanciato il Mi Mix Alpha.

Per chi se lo fosse perso, è il primo smartphone con display “avvolgente”. Lo schermo avvolge tutto il dispositivo e viene lasciata fuori solo una barra verticale contenente il comparto fotografico. Non fa parte della categoria degli smartphone pieghevoli, ma si tratta comunque di qualcosa di strabiliante dal punto di vista del form factor e dell’innovazione. Il prezzo è però proibitivo e il suo arrivo in Europa è in dubbio.

Apple

smartphone pieghevoli apple

Se gli smartphone pieghevoli riscuoteranno il grande successo sperato, ovviamente non mancherà un iPhone che seguirà questa filosofia. Apple ha già depositato due brevetti per degli smartphone pieghevoli, ed entrambi sono stupefacenti. Il primo, che è decisamente il più fattibile, riguarda un dispositivo con uno schermo che si può piegare sia in avanti che all’indietro.

Il che sarebbe un bello stress per un pannello OLED pieghevole, perciò siamo curiosi di vedere come farà la mela a rendere lo schermo resistente e flessibile a tal punto, specie dopo i problemi riscontrati con il Galaxy Fold. Il secondo brevetto riguarda addirittura uno smartphone con display completamente arrotolabile: lo schermo è in grado di sparire del tutto e ciò che rimane sono solamente due barre dotate di speaker e probabilmente di batteria e componenti.

Di questi 2 concept, il più plausibile per un arrivo nel breve o medio termine è il primo, ma non ci aspettiamo smartphone pieghevoli da Apple prima della seconda metà del 2020.

ZTE

smartphone pieghevoli zte
ZTE Axon M

A dire il vero ZTE ha già rilasciato un dispositivo appartenente alla categoria degli smartphone pieghevoli (Axon M), tuttavia non lo abbiamo aggiunto a quelli già rilasciati perchè non ha uno schermo pieghevole. Il dispositivo si può sì piegare, ma ha due schermi differenti che si uniscono in uno, e quando è aperto a mo di tablet si vede chiaramente l’interruzione tra i due schermi.

La casa produttrice ha però dichiarato che lavorerà a uno smartphone che abbia davvero un display pieghevole, e noi ci crediamo dato che è sempre stata bravissima ad innovare e che recentemente ha anche rilasciato uno dei primi smartphone 5G al mondo. Non abbiamo però nessuna data e nessun dettaglio concreto delle specifiche.

Gli smartphone pieghevoli hanno senso? Sono davvero il futuro?

Purtroppo è ancora presto per stabilire se gli smartphone pieghevoli monopolizzeranno il mercato della telefonia o anche solo se avranno un risultato degno di nota. Ciò che possiamo dire adesso è che il concept ha assolutamente senso e che le prime risposte da parte del pubblico sono sembrate decisamente positive.

In generale la gente cerca smartphone dal display sempre più grande che possano fungere sempre più come sostituti dei PC, per un’esperienza multimediale sempre più comoda. Ecco perchè gli smartphone pieghevoli hanno senso: ad ora sono l’unico dispositivo che permette di avere un telefono cellulare con uno schermo dalle dimensioni di un tablet senza l’ingombro di quest’ultimo.

I primi smartphone pieghevoli hanno raccolto tantissimo consenso, ma per via del loro prezzo molto alto e per il fatto che vengono prodotti in stock limitati, attualmente restano dispositivi alla portata di pochi. Alcune aziende come Oppo non credono nel successo degli smartphone pieghevoli e non li immaginano come il futuro del telefonino; è necessario altro tempo per potersi sbilanciare al riguardo.

Quali sono le fragilità dei foldable?

smartphone pieghevoli display

Gli smartphone pieghevoli sono un esperimento tutto nuovo e come tutti i nuovi arrivati nel mondo della tecnologia vanno perfezionati. Se ne scegliete uno, dovrete fare i conti con due importanti fragilità che riguardano principalmente il display. La prima sta nella qualità costruttiva: sebbene le case produttrici stiano lavorando moltissimo per rendere resistenti gli smartphone pieghevoli, si tratta comunque di dispositivi con un display che si piega, per cui molto più fragile rispetto ai normali telefonini.

Non a caso il Galaxy Fold è stato rinviato proprio per problemi allo schermo. Questi terminali hanno schermi di tipo OLED che non sono protetti da un vetro, altrimenti non si potrebbero piegare. Vantano invece uno strato in plastica che è più fragile. E negli anni quando li si piega possono consumarsi o rompersi, anche se stando alle aziende ci vuole molto tempo affinchè ciò accada. Oltre alla fragilità estetica, c’è lo spessore più alto del dispositivo, dato che mentre è piegato è  formato da due parti sovrapposte.

Inoltre i display pieghevoli quando aperti non hanno i classici formati alti degli smartphone normali, perciò quando si vedono dei contenuti video ci si può trovare di fronte enormi barre nere ed un riquadro molto ridimensionato al fine di non distorcere l’immagine. Altro svantaggio è sicuramente l’antiestetico “scalino” che si finisce per vedere quando gli smartphone pieghevoli sono aperti, nel punto in cui c’è la piegatura.

Infatti, la tecnologia odierna non  permette di far aprire gli schermi facendoli diventare completamente piatti, ma rimane sempre una sorta di “dosso” nella  parte in cui c’è la piegatura. Un’ultima pecca è ovviamente il prezzo: come già menzionato sono i cellulari più costosi. Per il resto abbiamo perlopiù vantaggi: schermi grandi, batterie enormi, più adattabilità al multi-tasking, e così via!

Scenderanno mai di prezzo?

Come tutte le novità tecnologiche, quando non sono più novità, il loro boom finisce e diventano alla portata di tutti i produttori grazie ai vari accordi commerciali, il prezzo scende. Nel giro di pochi anni prevediamo che gli smartphone pieghevoli costeranno molto di meno, mentre il loro prezzo corrente è dato non solo dagli alti costi di produzione attuali, ma anche dal fatto che sono un’assoluta innovazione.

Adesso però siamo ancora agli albori, per cui aspettarsi un cambio di prezzi repentino non è per niente plausibile. Questi dispositivi potrebbero andare a ruba anche con i prezzi alti che  si ritrovano,  specie perchè verranno venduti in unità limitate poichè i produttori non vogliono rischiare una domanda insufficiente dopo gli alti costi di produzione che hanno  dovuto sostenere.

Quali tipologie di smartfold esistono?

smartphone pieghevoli

Se parliamo di smartphone pieghevoli attualmente sul mercato, abbiamo quattro tipi di smartfold. La prima categoria è quella di cui fa parte il Galaxy Fold, che ha uno schermo pieghevole nella parte interna che viene completamente nascosto quando lo smartphone è piegato.

La seconda tipologia è invece quella di Huawei Mate X, con uno schermo pieghevole posizionato esternamente che quando è piegato si divide in due schermi, entrambi utilizzabili, delle dimensioni di uno smartphone. Successivamnte sono arrivate anche altre duee tipologie di smartphone pieghevoli: Motorola, ad esempio, ne ha lanciato uno con design a conchiglia come i cellulari vecchio stile con schermo che si piegherà in verticale e verso l’interno. Microsoft ha invece annunciato il Surface Duo, uno smartphone pieghevole con un doppio display invece di un pannello che si piega.

Scopri le ultime offerte tecnologia odierne su Amazon.

Potrebbe anche interessarti